Luis Miguel, l'ipotesi choc sul cantante: «Morto assassinato da tre uomini e sostituito da un sosia»

L'ipotesi choc, finora, non ha trovato smentite ufficiali dal diretto interessato e anche i fan più accaniti del cantante iniziano a dubitare della sua vera identità

Luis Miguel, l'ipotesi choc sul cantante: «Morto assassinato da tre uomini e sostituito da un sosia»

di Niccolò Dainelli

Le teorie sulle celebrità morte che vengono sostituite da sosia identici nel fisico e nel talento sono sempre esistite. Ma quelle riguardanti Luis Miguel, noto in Italia per la sua «Noi ragazzi di oggi», stanno facendo molto discutere sul web. Secondo molti, infatti, Luis Miguel sarebbe morto e sarebbe stato sostituto da un suo sosia

Leggi anche > Ambra Angiolini dimentica Allegri: paparazzata mentre bacia un uomo misterioso

«Il sole del Messico» del 2022 non è l'originale. Questo è quello che suggeriscono le teorie che circolano su Internet, poiché in più di un'occasione sono state notate delle anomalie sul famoso cantante. L'ipotesi è che Luis Miguel sia morto e per non perdere l'ascesa della sua carriera sia stato furbescamente sostituito da un sosia.

LA SUA MORTE COLLEGATA A UN PRESIDENTE MESSICANO

Deseret Tavares è una veggente colombiana che, per prima, ha avanzato il dubbio sulla veridicità di Luis Miguel. La veggente per la prima volta, nel 2019, ha paventato la teoria sulla morte e il successivo rimpiazzo del cantante. La Tavares, invitata al programma «True Secret» sul canale televisivo America ha parlato chiaramente di una sostituzione di persona. 

«Vedo (nelle carte) che Luis Miguel è morto da molto tempo. Già dall'inizio dell'anno 2000 le carte lo indicavano come morto. E le carte indicano anche che è stato sostituito molte volte e che il Luis Miguel degli anni '80 è stato assassinato da un gruppo di tre uomini, soprattutto da un politico o un uomo di potere che ne ha ordinato l'uccisione violenta».

La Deseret ha spiegato che le carte e i tarocchi indicati rivelavano addirittura il motivo del presunto omicidio: una relazione amorosa non approvata dall'uomo di potere. E in molti in Messico avrebbero anche individuato il presunto uomo di potere dietro a questo tremendo omicidio. 


A causa delle date, infatti, molti utenti di Internet, e persino il presentatore del programma, hanno suggerito che il politico potesse essere Carlos Salinas de Gortari, presidente del Messico tra il 1988 e il 1994, poiché Luis Miguel voleva sua figlia Cecilia.


«Le carte indicano un grande disaccordo e mostrano anche che c'erano due uomini mandati a uccidere il cantante dopo averlo picchiato. Lo sfigurarono e lo uccisero. Allo stesso modo, le carte dicono che Luis Miguel è stato colpito a morte al fegato», ha spiegato la veggente che ha poi aggiunto che il corpo di Luis Miguel è stato sepolto e poi riesumato per essere portato in un luogo vicino a uno specchio d'acqua, come un molo o un porto in Messico.

LA SOSTITUZIONE CON SOSIA IDENTICI


Sebbene non sia stata rilasciata nessuna dichiarazione ufficiale in merito alla presunta morte di Luis Miguel e alle sue ragioni, il programma «As we are» di La Red ha ripreso l'ipotesi che Luis Miguel fosse stato soppiantato in alcuni concerti.

«C'è un sosia argentino, che anche Luis Miguel ha riconosciuto come suo clone; un giorno il sosia stesso ha dichiarato che nel 2010 ha dovuto sostituire il cantante in un concerto perché quello famoso non c'era più», ha rivelato il conduttore Juan Andrés Salfate.

Il fisico mutevole di Luis Miguel, nelle sue apparizioni, e il suo strano comportamento che lo vede a volte molto cordiale e amichevole, altre volte schivo e scontroso, sono due indizi che hanno iniziato a far sospettare anche i suoi fan più accaniti. In molti in Messico iniziano a credere alla veggente Deseret Tavares notando sempre più anomalie fisiche e comportamentale del «Sole del Messico».

Nel programma «Hoy», la veggente ha riproposto la sua teoria dettata dalla lettura delle carte aggiungendo: «Dalla lettura delle carte è evidente che Luis Miguel è morto molto tempo fa e che la persona che vediamo non è lui», rimanendo ferma sulla sua posizione anche di fronte agli amici storici di Luis che negavano questa versione. 

Un giallo che finora non ha trovato smentite dal diretto interessato e che, probabilmente, potrà risolvere solo lui. Sempre che possa dimostrare la sua vera identità...


Ultimo aggiornamento: Sabato 14 Maggio 2022, 11:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA