Ilona Staller rischia l'arresto negli Usa. L'avvocato: «Per loro è una fuggitiva, scriveremo a Trump»

Ilona Staller rischia l'arresto negli Usa. L'avvocato: «Per loro è una fuggitiva, scriveremo a Trump»

Cicciolina rischia l’arresto. Sull’ex attrice hard ed ex deputata Ilona Staller pende infatti ancora un ordine di arresto emesso dalla Corte Suprema della contea di New York, e per le autorità Ilona è una fuggitiva: lo ha detto il suo legale, Luca Di Carlo, all’agenzia Dire. «Farò immediatamente una richiesta per la revoca dell’ordine d’arresto ed evidenzierò i motivi anche al presidente Trump»​, ha detto l’avvocato.

Ilona Staller, gaffe su Facebook: «Addio er Monnezza, sono triste». Ma è morto da due anni
Lino Banfi alla commissione Unesco. Salvini scherza: «E allora Calà, Pozzetto e Smaila?»



LA VICENDA Il provvedimento di cattura fu emesso quando Ilona, sposata con l’artista americano Jeff Koons, portò via loro figlio dalla casa di New York portandolo prima in Ungheria e poi in Italia: il processo fu vinto dalla Staller in Italia e Koons si vide negato un risarcimento milionario, ma negli Usa la vicenda non si è chiusa. Nel 2016 Cicciolina chiese all’ex presidente Barack Obama la grazia, ma invano: e ora rischia di nuovo l'arresto.



L'EX MARITO DI ILONA STALLER Di Jeff Koons si era parlato già nei giorni scorsi: una delle firme più pagate del mercato dell'arte che aveva messo in piedi negli ultimi anni una vera e propria azienda con oltre un centinaio tra pittori e scultori nei libri paga, Koons la scorsa settimana ha drasticamente ridimensionato la forza lavoro alle sue dipendenze, tagliando il numero di assistenti a vantaggio dei robot. Nella sua nuova sede high tech a Morrisville, in Pennsylvania, gli assistenti sono affiancati da due robot e 12 macchine computerizzate per il taglio della pietra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA