Giulia De Lellis incanta alla mostra del cinema di Venezia, i fan: «Sul red carpet con i brufoli, è umana» Foto

video

Giulia De Lellis non ha paura di mostrare le imperfezioni e i brufoli, neppure su una passerella così importante come quella della Mostra del Cinema di Venezia. L'influencer romana ha sfilato sul red carpet conquistando letteralmente la Laguna per il look da fatina e il messaggio lanciato attraverso l'acne sotto il trucco. L’annuncio della comparsa dei brufoli era stato dato dalla ragazza qualche ora prima dello sbarco attraverso due storie 'acqua e sapone' pubblicate sul suo profilo Instagram.

Leggi anche > Andrea Damante e la nuova fidanzata, è furia social: «Questa volta non permetterò di essere infangato»

Ieri sera ha sfilato con un abito rosa corto davanti e lungo dietro e un romantico chignon. Un vero e proprio successo e un plauso da tutti i milioni di followers. Oggi gli utenti dei social si sono scatenati a parlare dei brufoli. Un dibattito che segue quello sullo stravolgimento dei canoni di bellezza innescato dalla modella di Gucci. «Possiamo dire di tutto, ma è inconcepibile che ancora una volta solo perchè è un personaggio pubblico, debba essere sempre perfetta e senza imperfezioni. È umana, quando capirete che queste stesse offese le leggono anche le adolescenti», scrive un'utente.


E ancora: «Potete non apprezzarla ma è una ragazza davvero bellissima, che di sicuro è infastidita dalle sue imperfezioni sul viso (come tutti noi) ma le accetta e se ne sbatte. concentratevi sul suo sorriso piuttosto che sui brufoli sotto al trucco». Non è la prima volta che Giulia parla apertamente ai follower del suo rapporto con l’acne. Solo due mesi fa, per esempio, l’ex concorrente di Uomini e Donne aveva sostenuto Aurora Ramazzotti quando postò via Instagram uno scatto che mostrava la sua pelle imperfetta: «Brava e complimenti ad Aurora che ha aperto questo argomento, io ne ho parlato a volte nelle stories, ma non ho avuto mai il coraggio di affrontarlo in maniera così intensa e seria», aveva commentato.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Settembre 2020, 20:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA