Gérard Depardieu accusato di stupro: riaperta l'inchiesta contro l'attore francese
di Nico Riva

Gérard Depardieu accusato di stupro: riaperta l'inchiesta contro l'attore francese

Gérard Depardieu accusato di stupro: è stata riaperta l'inchiesta contro l'attore francese, dopo una prima archiviazione nel 2019. Ripartono le indagini. Lo scorso 1° agosto, la procura di Parigi ha richiesto ad un giudice di indagare nuovamente sullla presunta condotta criminale della star, spiega l'AFP. 

Leggi anche > Gerard Depardieu indagato per stupro: la vittima è un'attrice di vent'anni. L'avvocato: «Tutto falso»

Hervé Témime, avvocato di Gérard Depardieu, ha dichiarato all'AFP di non esser stato informato della designazione del giudice istruttore. «Non è nemmeno un evento di cui parlare, perché si tratta di una decisione automatica», ha aggiunto. In ogni caso, fin dall'inizio del caso nel 2018, Gérard Depardieu si è sempre dichiarato innocente, rispedendo le accuse alla mittente. Secondo quanto dichiara Le Parisien, il 71enne Depardieu sosterrebbe che i rapporti sessuali fra i due siano stati tutti consenzienti. 

A puntare il dito contro la star è stata infatti una ventenne, la quale a fine agosto di due anni fa depositò una prima denuncia alla gendarmeria di Lambesc, in Provenza. Le violenze si sarebbe consumate fra il 7 e il 13 di agosto di quell'anno, in una delle proprietà dell'attore a Parigi. La giovane, vedendo che dopo un anno la questione si era chiusa con un nulla di fatto, ha presentato una seconda denuncia. A giugno 2019, il pm aveva chiuso le indagini preliminari sottolineando la mancanza di prove per procedere al livello successivo.

In questo secondo caso si è costituita parte civile, in modo da ottenere quasi automaticamente l'apertura di un'inchiesta e la nomina di un magistrato. Ieri, finalmente, è arrivata la designazione ed il caso è stato riaperto. Elodie Tuaillon-Hibon, legale della ragazza, ha dichiarato che in questo modo la sua cliente: «Rinnova la sua fiducia nella giustizia e spera che le tappe della vicenda possano svolgersi nella calma e nel rispetto delle parti». 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre 2020, 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA