Francesca Giuliano, la "Anni 50" del programma Avanti un Altro!, rivela: «Mi sento bullizzata, non sono rifatta»
di Emiliana Costa

Francesca Giuliano, la "Anni 50" del programma Avanti un Altro!, rivela: «Mi sento bullizzata, non sono rifatta»

  • 297
    share
Francesca Giuliano, la "Anni 50" del programma di Canale 5 Avanti un Altro!, rivela: «Mi sento bullizzata, non sono rifatta». La maggiorata del programma condotto da Paolo Bonolis si è sfogata ai microfoni di Alex Achille di Radiochat.it ON TV. E continua: «Sono stufa e delusa da alcune donne che sul web mi insultano per i miei chili di troppo. Mi sento bullizzata e penso a tante ragazze che hanno perso la vita a causa dei giudizi e delle offese portate avanti da persone stupide e piene di odio».

Fabrizio Corona e Ilary Blasi, la rissa al Gf Vip senza censura: «Quando avevi 16 anni...»

Nei giorni scorsi, Francesca Giuliano è andata a trovare il suo amico Giacomo Urtis che si occupa di chirurgia estetica e con l'occasione ne avrebbe approfittato per farsi fare qualche punturina di acido ialuronico. Ma un selfie, pubblicato da Urtis che ritrae la giunonica Francesca ancora più "esplosiva" del solito, avrebbe scatenato le ire di centinaia di donne che l'avrebbero accusata di essere ricorsa alla chirurgia estetica per aumentare le sue misure e di essere sproporzionata.



Barbara D'Urso furiosa, la frecciatina al Grande Fratello Vip e a Francesco Monte

Aurora Ramazzotti rivela: «La prima volta che ho fatto l'amore? Era il compleanno di mia madre»

«Sono sempre stata abbondante - ha continuato Francesca - fin dall'età di quattordici anni il mio seno è sempre stato prorompente, non sono mai ricorsa al bisturi ma soltanto a qualche punturina per mantenere il mio aspetto al meglio. Effettivamente sono leggermente ingrassata e in quella foto, pubblicata sul profilo Instagram di Giacomo, sembro essere ancora più in carne. Ma vi assicuro che non mi sono mai rifatta il seno o altro. Non capisco come certe donne possano per invidia o cattiveria arrivare a offendere con frasi pesanti e termini indicibili una persona, soltanto perché ha qualche chilo in più. È ora di dire basta, i social non possono diventare strumento d'odio in mano a persone ignoranti che, con le loro offese, rischiano di portare una persona debole di carattere anche al suicidio».
Giovedì 8 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-11-09 11:59:33
bona
2018-11-08 23:16:14
sei ok
DALLA HOME