Francesca Cipriani contro la plastic tax: «Se vale anche per i seni rifatti scendo in piazza»

«Se la 'plastic tax' valesse anche per la plastica utilizzata nella chirurgia estetica scenderei subito in piazza a protestare, farei la rivoluzione. Non deve proprio succedere, dopo le merendine anche questa tassa assurda? E poi il seno rifatto ce l'hanno più del 50% delle italiane, sarebbe impossibile una tassa del genere». La prorompente showgirl Francesca Cipriani, ospite di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1, ha commentato così, tra il serio e l'ironico, le possibili conseguenze della 'plastic tax', contenuta nell'ultima finanziaria.

LEGGI ANCHE > Emma Marrone su Instagram dopo l'operazione: «Sono la ragazza più felice del mondo»



«E' assurdo pensare di tassare anche la plastica delle protesi, anche se io comunque ho quella israeliane, ultraleggere, di ultima generazione». Lei si è 'ritoccata' più volte: vuole continuare a farlo o si è fermata?
«No no, ora sto bene così», ha rassicurato la showgirl a Un Giorno da Pecora.

 
Mercoledì 16 Ottobre 2019, 17:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA