Fedez, il Codacons lo voleva fuori da Sanremo. Il cantante: «Pubblici uffici intasati per me, condannati al risarcimento»
di Silvia Natella

Fedez, il Codacons lo voleva fuori da Sanremo. Il cantante: «Pubblici uffici intasati per me, condannati al risarcimento»

Nuovo capitolo nella saga Fedez contro Codacons. Il marito di Chiara Ferragni è pronto per il Festival di Sanremo e si è concesso qualche minuto per rispondere alle domande dei fan nelle stories di Instagram. A chi gli ha chiesto l'epilogo della battaglia con l'Associazione dei Consumatori ha spiegato che la vicenda si è conclusa con il respingimento delle due richieste avanzate al Tar e la condanna al risarcimento. 

 

Leggi anche > Lady Gaga, ritrovati i cani rapiti: la cantante aveva offerto 500 mila dollari di ricompensa

 

Fedez, la sconfitta del Codacons

«Non ve ne avevo mai parlato, ma il Codacons ha fatto non una ma ben due richieste al Tar per la mia estromissione con richiesta di provvedimento d’urgenza intasando i pubblici uffici. Oggi sono state respinte le richieste e sono stati condannati al risarcimento delle spese», ha dichiarato in un video su Instagram rispondendo alla domanda di un utente. Una rivincita per il cantante, che reagisce con soddisfazione e mostrando il pollice su. 

 

 

Fedez, la diffida del Codacons 

Il Codacons aveva presentato una «diffida urgente alla Rai per escludere con effetto immediato Fedez dal prossimo festival di Sanremo, pena una inevitabile denuncia penale contro l'azienda e azioni risarcitorie». La richiesta era seguita ai famosi secondi della canzone in gara. Fedez aveva infatti pubblicato le immagini delle prove con Francesca Michielin senza silenziare l'audio rischiando l'eliminazione.  

 

Fedez a Sanremo

«Il brano di Fedez - si leggeva nell'esposto - non può più essere considerato inedito, ed è a tutti gli effetti escluso dalla gara sulla base del regolamento del festival - affermava il Codacons - La canzone è stata infatti ascoltata da milioni di utenti, dopo la pubblicazione del brano avvenuta sia sul web che sui social network, situazione che si pone in netto contrasto con il regolamento della kermesse che vieta categoricamente che le canzoni in gara siano pubblicate prima dell'esecuzione all'Ariston. Se la Rai non escluderà Fedez dalla gara, denunceremo penalmente l'azienda per omissione di atti d'ufficio e avvieremo nei confronti della rete le dovute azioni risarcitorie, anche per conto degli altri artisti che partecipano al festival e che risulterebbero ingiustamente penalizzati». Il Codacons si è poi rivolto al Tar, ma è stato condannato al risarcimento delle spese legali, come spiega Fedez. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Febbraio 2021, 13:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA