Fabrizio Corona rinviato a giudizio per la frase contro Selvaggia Lucarelli «anni che vuole il mio corpo e io non glielo do»
di Simone Pierini

Fabrizio Corona rinviato a giudizio per la frase contro Selvaggia Lucarelli «anni che vuole il mio corpo e io non glielo do»

«Io penso che abbia accanimento e frustrazione contro di me, e anche un po' di gelosia perché non ci sono mai stato. Perché anni e anni che vuole il mio corpo e io non glielo do». Fabrizio Corona è stato rinviato a giudizio per questa frase pronunciata nei confronti di Selvaggia Lucarelli a Non è l'Arena di Massimo Giletti nel giugno del 2018. A darne notizia è Dagospia. 

Leggi anche > Corona si scaglia contro la Lucarelli: «La non giornalista vuole il mio corpo e io non glielo do»

Leggi anche > Selvaggia Lucarelli replica a Corona e attacca Giletti: «‪Complimenti per la celebrazione di legalità e rispetto delle donne»



La giornalista aveva declinato l'invito del presentatore tv di La7 e non era in studio quel giorno. La risposta a Corona arrivò attraverso un post su Facebook. «‪Quindi un pluricondannato per un’infinità di reati che sta ancora scontando una pena va in tv celebrato come una star - scrisse la Lucarelli - Quella che ha svelato che nascondeva i soldi nel controsoffitto per evadere il fisco in un articolo su Il Fatto (quando Corona era ancora LIBERO e poteva affrontarla comodamente, ma tacque) è una che ha dell’astio perché voleva fare sesso con lui».

Selvaggia precisò di aver agito in piena trasparenza e in un momento in cui lui poteva benissimo difendersi, contrariamente a quanto sostenuto da Corona. Infine lanciò una frecciatina anche a Giletti: «‪I miei complimenti a ospite, conduttore e parterre divertito e plaudente. ‬‪Un’autentica celebrazione della legalità e del rispetto per le donne».‬ 
Martedì 10 Settembre 2019, 18:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA