Carolina Marconi sterile dopo la chemio: «Ho congelato un ovulo, ma solo uno... Ecco perché»
di Niccolò Dainelli

Carolina Marconi sterile dopo la chemio: «Ho congelato un ovulo, ma solo uno... Ecco perché»

La sua lotta per il Diritto all'oblio oncologico non si ferma: vuole diventare mamma e per lei è il sistema che va cambiato

Carolina Marconi non si arrende. Dopo aver sconfitto il tumore al seno, l'ex concorrente del Grande Fratello, non vuole accantonare il suo sogno di diventare mamma. Vuole avere un bambino nonostante la chemio l'abbia resa sterile. E Carolina si batte come un leone per far sì che i diritti dei guariti dal tumore siano rispettati. Con una raccolta firme vuole che la legge italiana cambi e le permetta di adottare un figlio.

 

Leggi anche > Carolina Marconi, la vita a metà dei guariti dal cancro: «Non possiamo adottare né chiedere mutui»

 

 

Al momento, in Italia, chi ha avuto un tumore non può adottare figli, ma nemmeno chiedere un mutuo o un finanziamento: troppo alti i rischi di ricadute. Ma questo vuol dire continuare a sentirsi malati. E per questo Carolina lotta per l’approvazione della legge sul Diritto all’oblio oncologico.

 

Per lo Stato lei, guarita dal tumore al seno, deve aspettare 5 anni per poter pensare a un'adozione. La 44enne desidera far cambiare le cose: le sembra profondamente ingiusto. E al settimanale Chi rivela che, sterile dopo i lunghi cicli di chemio, prima di sottoporsi alle cure per il cancro, ha congelato un ovulo. Solo uno.

 

«Anche solo per un periodo, le chemio, in sostanza, ti rendono sterile. Così, io, prima di iniziarle, ho congelato un ovulo. Uno solo - spiega Carolina Marconi -. Dunque, ho il 10% di possibilità di rimanere incinta: avrei dovuto congelarne 10, ma non potevo fare terapie ormonali con il tumore al seno, sarebbero state un accelerante per il male».

 

«Ora, per altro, siccome devo aspettare per provare a rimanere incinta, ho pensato: ‘Intanto adotto un bambino’. Mi sono anche informata sull’utero surrogato, conosco persone che vi hanno fatto ricorso, ma, come dire, per me è troppo. Parlo solo per me, ovviamente. E poi ci sono tanti bambini spaventati, abbandonati... Ma perché devo andare in America, a Los Angeles, stare lì un anno? Ma perché non adottare un bambino cui dare tutto il mio amore? Fra me e Alessandro, i nostri fratelli, le nostre sorelle, i nipoti, i miei e i suoi genitori, c’è una certezza: se adottassimo un bambino, quel bambino crescerebbe viziato», ha raccontato Carolina.

 

«Se per i medici sono guarita, per lo Stato non lo sono. Per ogni tipo di tumore bisogna aspetare un tot di tempo: 5 anni, 10, 20... io per il mio devo aspettare 5 anni: potrei adottare, dunque, a 49 anni. E intanto i bambini crescono nelle strutture. È un sistema che va cambiato», precisa la showgirl venezuelana.

 

«Io voglio battermi proprio per l’oblio oncologico, che è già legge in Olanda, in Belgio, in Francia… Con la fondazione l’Associazione italiana oncologia medica stiamo raccogliendo le firme perché chi è guarito non sia più obbligato a dichiarare di avere avuto la malattia: ce ne vogliono centomila, in un mese siamo già a 70 mila».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Maggio 2022, 22:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA