Carolina Marconi, dopo 40 ore ritrova la sua cagnolina Zora. «È il giorno più bello della mia vita» I POST

Carolina Marconi, dopo 40 ore ritrova la sua cagnolina Zora. «È il giorno più bello della mia vita» I POST

Dopo essere stata 40 ore senza la sua cagnolina, Carolina Marconi ha ritrovato la sua Zora. Disperata, nei giorni scorsi l'influencer aveva lanciato un appello per chiedere aiuto a chi l’avesse vista o incontrata. Ora due lunghi nuovi post per comunicare il lieto fine: «Oggi è il giorno più bello della mia vita». 

 

Leggi anche > Carolina Marconi, l'appello per ritrovare la sua cagnolina Zola: «Lei è la mia vita». IL POST

 

Leggi anche - Belen, la tenera foto di Luna che dorme nel lettino. Ma un dettaglio fa infuriare i fan: «Non si fa!»

 

Zora vive con la Marconi da 11 anni: «Chi ama gli animali come me sa di cosa sto parlando, sono parte di noi». La disavventura è cominciata quando, qualche giorno fa, un operaio che lavorava nella casa della Marconi ha inavvertitamente lasciato aperto il cancello: la cagnolina è stata vista dalle telecamere varcare il portone e uscire in strada, per poi perdersi. «In quel momento - scrive la Marconi - il mondo mi è crollato addosso, mi è salito il panico, ho cominciato a tremare… in quel momento mi sono passati tutti i pensieri più brutti... ho cominciato a vedere tutto nero».

 

E continua raccontando di un episodio d'infanzia, quando aveva 7 anni: «un operaio che stava sistemando il tetto di casa dei miei genitori mi aveva raccontato che il cucciolo che io adoravo era scappato dal cancello e dopo che l’avevo cercato per ore con i miei fratelli lo trovammo nella spazzatura. Era lì morto in un sacchetto... gli era caduto un mattone in testa. Non l’aveva fatto apposta ma metterlo in un sacco, fu uno shock troppo grande vederlo così: sono rimasta traumatizzata».

 

 

 

«Poi quella telefonata dal canile Valle Grande: - conclude - abbiamo trovato Zora… il momento più bello della mia vita. Ringrazio Dio per questo regalo perché in questi momenti della mia vita non ero pronta a perderti cara Zora e ringrazio ancora i miei fratelli che fanno di tutto per rendermi serena, il mio compagno Alessandro che è il mio Superman, la mia mamma. Ringrazio di vero cuore tutti per avermi aiutato a cercarla, i volontari che non hanno mai smesso di cercare, tutti coloro che hanno condiviso i miei post e un grazie speciale alla signora (anonima), un angelo che avuto il buon cuore di portarla sana e salva al canile di Valle Grande».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Agosto 2021, 17:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA