Beverly Hills 90210, Jennie Garth: «Cresciuta sul set della serie tv, ho conosciuto solo quel tipo di esistenza»

Beverly Hills 90210, Jennie Garth: «Cresciuta sul set della serie tv, ho conosciuto solo quel tipo di esistenza»

Jennie Garth è diventata famosa vestendo i panni della bionda Kelly Taylor, in una delle serie simbolo degli anni novanta, Beverly Hills 90210. Oggi quarantottenne e ormai attrice affermata Jennie Garth ricorda la sua esperienza, iniziata solo quando aveva 17 anni, sul set del telefilm.

 

Leggi anche > Il Collegio, l'insulto pesante al prof. Maggi e la doppia espulsione

 

 

 

A “Beverly Hills 9210”, Jennie Garth ha dedicato dieci anni di vita: “Sono cresciuta letteralmente su quel set – ha fatto sapere in un’intervista a “Chi” – Tutto ciò che una persona potesse sperimentare negli anni del liceo e dell’università l’ho vissuto lì in scena con i miei colleghi. Ero giovane, ho potuto incontrare tante persone interessanti, viaggiare… Non posso paragonare le mie esperienze a quelle di altri ragazzi “normali” visto che ho conosciuto solo quel tipo di esistenza, ma sono stati gli anni più belli della mia vita. Ed è favoloso essersi ritagliati un posto nella storia della tv”.

 

 

 

Indimenticabili al suo fianco l’amica - ma solo sul set - Shannen Dorethy, che interpretava Brenda, e lo scomparso Luke Perry, nei panni del tenebroso Dylan: “Luke era esattamente la persona che appariva. Cioè incredibilmente gentile, umile. Il tipo che faceva sentire speciale chiunque avesse vicino”. Sul set anche Tori Spelling, figlia del produttore della serie Aaron, con cui Jennie ha un podcast in cui commenta le puntate della serie: “Volevamo in qualche modo dare un’altra vita allo show. Quando giravamo non avevamo il tempo di rivedere gli episodi, guardarli e commentarli: adesso è un bel viaggio nel tempo. Farlo con la mia migliore amica, Tori, è il massimo”.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Dicembre 2020, 18:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA