Angelo Sanzio, il Ken italiano in esclusiva a Leggo: «Vi presento Enrico, il mio grande amore»
di Ida Di Grazia

Angelo Sanzio, il Ken italiano in esclusiva a Leggo: «Vi presento Enrico, il mio grande amore»

Angelo Sanzio, il Ken italiano si confida in esclusiva a Leggo per parlare per la prima volta della sua sfera più intima, quella amorosa. Nonostante le innumerevoli operazioni chirurgiche che l’hanno completamente trasformato sentiva la mancanza ancora un tassello, forse il più importante, che ora è arrivato. L’ex concorrente del Grande Fratello 15 è innamorato: lui si chiama Enrico, fa il consulente, è sardo ed è - dice Angelo - «bellissimo». Tra loro ci sono dieci anni di differenza, ma la cosa non sembra spaventarli, in ballo ci sono tanti progetti e il sogno più grande: diventare una famiglia.
 
Leggi anche > Amici Celebrities cambia giorno: quando va in onda la prossima puntata. Mistero Michelle Hunziker
Leggi anche >​ X Factor 2019, al via i Bootcamp di Sfera Ebbasta e Samuel: ma c'è una contestazione del pubblico



 
Angelo, ci racconti com’è nato questo amore
«Lo scorso febbraio Enrico mi ha chiesto l’amicizia su Facebook, non ci ho dato peso, credevo che fosse solo uno dei tanti curiosi che voleva attaccare bottone solo per gossip. A distanza di un po’ di tempo però scorrendo la rubrica di Messanger ho notato questa ‘fotina’ che ritraeva un bellissimo ragazzo e mi sono detto ‘però niente male, perché non ci ho parlato?’»

Il primo messaggio qual è stato?
«Giuro non è stato Buona Primavera (ride ricordando il primo messaggio che Pamela Prati disse di aver inviato al fidanzato fantasma Mark Caltagirone. Ndr.). Gli ho semplicemente scritto ciao, abbiamo iniziato a chattare e a differenza di altre la nostra è stata una chat molto sobria, avere dall’altra parte un personaggio più o meno noto non gli creava chissà quale euforia. Anzi non gli ha dato proprio alcun peso»

Chi ha fatto il primo passo dopo le chat?
«Ovviamente io! Ci parlavamo da un po’ e un giorno gli ho chiesto il numero di telefono e così ho capito che dall’altra parte c’era una persona che rompeva gli schemi. Diversa, elegante e sicura di sé. Qualcuno che non avevo mai incontrato fino ad oggi»

Dove vi siete incontrati?
«Ci siamo incontrati a Roma, lui vive in Sardegna dove mi trovo anche ora, abbiamo passato un pomeriggio sorprendente. Mi ha fatto vedere la sua Roma che conosce meglio di me. Io l’ho stregato con i miei monumenti, i miei profumi, le mie letture. Non avremmo mai potuto immaginare un incontro migliore, nemmeno nella fantasia. Ci siamo salutati a Fontana di Trevi che da allora è diventata il nostro posto speciale»

Per definirlo così c’è stato più di un semplice saluto giusto?
«Esatto! Ci siamo dati il nostro primo bacio, da lì abbiamo capito che c’era qualcosa di più. Abbiamo affrontato questa conoscenza con estrema maturità … sarà che è più grande di me di dieci anni. Mi fa sentire protetto ma non sento la differenza di età, anche perché non ho mai avuto relazioni con miei coetanei. Enrico mi dà equilibrio e stabilità. Lui è quel gancio che mi riporta sulla terra, anche sotto il profilo professionale»

Che progetti avete?
«Abbiamo affrontato questa relazione in maniera seria fin dall'inizio, abbiamo intenzione di conoscerci a fondo senza inutili giochetti e vedere se si può diventare una famiglia. Chi mi conosce lo sa, sia da Barbara D’Urso che al Grande Fratello  ho sempre detto che l’amore non esisteva, era ingannevole, oggi invece posso dire che amare ed essere amati è una delle più grandi meraviglie che la vita ci offre. È bellissimo camminare insieme»

Quando parla di famiglia cosa intende: convivenza, figli?
«Sul tema adozione pensiamo entrambi che un bambino debba crescere e essere sostenuto da una coppia formata da un uomo e una donna in modo che le due sfere, maschile e femminile, si possano completare.  Abbiamo tanti progetti insieme, grazie ad Enrico mi sono riappropriato di un aspetto professionale della mia vita, che è quello della creazione dei profumi, la mia passione. Piccoli grandi passi, un po’ alla volta ma sempre insieme».
 
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 19:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA