Ambra Angiolini, gli insulti dei giornali quando era ragazzina: «Fardello di ciccia, scoppia come un palloncino». La risposta di Tiziano Ferro

L'attrice e conduttrice ha recentemente parlato dei disturbi alimentari di cui ha sofferto da adolescente ed è impegnata nella lotta al bodyshaming

Ambra Angiolini, gli insulti dei giornali quando era ragazzina: «Fardello di ciccia, scoppia come un palloncino». La risposta di Tiziano Ferro

di Redazione web

«Fardello di ciccia», «maggiorata», «paffuta e rubiconda». Se è vero che le parole hanno un peso, le loro conseguenze possono avere un impatto devastante quando proprio di peso parlano. Ha dovuto farci i conti da giovanissima Ambra Angiolini, che ad appena 17 anni si è ritrovata travolta dal successo di Non è la Rai, dall'affetto del pubblico ma anche dall'attenzione di certa stampa che non perdeva occasione per fare osservazioni sul suo corpo, sottolineandone il cambiamento in ottica negativa. A riproporre articoli e servizi in tv è stata la stessa attrice e conduttrice in un lungo post pubblicato su Instagram.

Il fardello di ciccia

Ambra Angiolini in un'intervista recente ha parlato dei disturbi alimentari di cui ha sofferto da ragazzina: «A 13 anni sono diventata bulimica per un cancro dell'anima», ha spiegato con l'intento di sensibilizzare sul tema del bodyshaming. E anche stavolta, pubblicando su Instagram i ritagli di giornale e servizi tv in cui anziché esaltare la sua carriera ci si focalizzava sul suo aspetto fisico, quello di un'adolescente, lo fa per «rimettere a posto le cose». 

«Ripercorrendo la mia storia, con l’aiuto del mio amico @fabiomarantino (prezioso come non mai), mi sono resa conto dell’ ipocrisia della tv e di certa carta stampata; probabilmente non si può più dire niente solo perché avevano già detto tanto…troppo.

Se in quel periodo, avevo solo 17 anni, qualcuno mi avesse fatto notare che non ero più “spensierata” invece di sottolineare ovunque quanto io fossi diventata grassa, avrei cercato di tornare ad essere più “mia“ che di tutti. Il problema di oggi, si dice ovunque, sono gli haters, ma c’è qualcuno che molto tempo fa gli ha evidentemente fatto scuola». Questo il testo che accompagna le immagini in cui regnano impietosi titoli come «L'extralarge non si addice ad Ambra» o «Aiuto! Sto scoppiando come un palloncino» e stralci da servizi tv: «Ha un anno di più e qualche chilo di meno. Liberata dal fastidioso "fardello di ciccia"», dice la voce in sottofondo. Ambra poi conclude: «Io alla fine ho vinto una guerra che non doveva nemmeno essere combattuta».

Le reazioni

Il post di Ambra ha generto un'ondata d'affetto da parte dei follower. Tra i tanti commenti, c'è chi nota che all'epoca un certo tipo di osservazioni sembrasse accettabile, ma che per fortuna la sensibilità sul tema sta cambiando. «Sei sempre stata la mia risposta alla domanda “chi vorresti essere se potessi scegliere?”», le scrive la figlia Jolanda Renga, e anche tanti nomi noti le danno supporto. Cristiana Capotondi scrive «sei una sopravvissuta», Michela Andreozzi «io c'ero e ci sarò». Tiziano Ferro, che proprio nelle ultime settimane ha ricordato come Mara Maionchi lo avesse «obbligato a dimagrire», le scrive: «Ehhhh…lasciamo stare va!».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Maggio 2024, 13:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA