GF Vip, lite fra Katia Ricciarelli ed Eva Grimaldi: «Ti butto in piscina»

Imma Battaglia: Se l’avesse detto un uomo avremmo invocato a gran voce l’espulsione

Video

Discussione accesa fra Eva Grimaldi e Katia Ricciarelli. Tra le due concorrenti della casa del GF Vip c'è stato un forte dibattito, tanto che dall'esterno è intervenuta via Twitter, Imma Battaglia, moglie di Eva. La situazione si è fatta incandescente nel momento in cui gli inquilini stavano facendo la lista della spesa.

 

Leggi anche - Clizia Incorvaia ha il Covid, contagiata dalla figlia Nina: «È un momento duro, mi sento fragile»

 

«Eva, lascia che facciano loro la lista della spesa» il consiglio della Ricciarelli. «Ma non ho detto niente, cioè non posso andare a sedermi al loro tavolo?», replica l’attrice. La stizza della soprano ha così cominciato a trapelare. «Vai dove vuoi» la chiosa di Katia. «Qui dovete fare un po’ di reset» ha detto la Grimaldi, alterando la Ricciarelli che ha detto: «Senti cara, tu sei appena arrivata e non cominciare a rompere». «Tu ce l’hai con me» risponde diretta la veronese.

 

 

«Tu sei pazza, con me non rompi. Stattene calma. Non sono pazza, non ho bisogno del reset. Ti ritrovi in piscina», lo sfogo della Ricciarelli su Eva. La lite è stata intercettata da Imma Battaglia che su Twitter ha commentato in modo pesante la discussione. La donna ha anche lanciato un appello a Signorini e al reality, chiedendo che quanto accaduto venga discusso nella prossima puntata: «Oggi ho assistito a un episodio che mi ha lasciata ferita, ho assistito a un episodio di bullismo, nonnismo, machismo, iper machismo, misoginia fatta da una donna nei confronti di un’altra donna. Sono rimasta basita, non me lo sarei mai aspettato e soprattutto credo sia molto grave; è grave se accade in una trasmissione seguita da milioni di persone, perché queste trasmissioni offrono modelli - commenta Imma -. E il modello che dobbiamo offrire come donne è quello della solidarietà e della comprensione, sicuramente non quello della violenza. Se l’avesse detto un uomo avremmo invocato a gran voce l’espulsione. Io mi auguro davvero che si abbia l’opportunità di parlarne perché nessuno faccia mai più, machismo, nonnismo, misoginia e bullismo. Perché quando accade, dobbiamo denunciarlo per il bene di tutti e tutto perché non accada mai più».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Dicembre 2021, 21:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA