Fedez furioso contro il Codacons dopo l'ennesima denuncia: «Ne ho pieni i c...»

Video

La battaglia tra il Codacons e Fedez non si arresta. «Io ne ho pieni i c***», esordisce Fedez nelle sue Instagram Stories mostrando l'ennesima denuncia arrivata da parte del Codacons a casa. Nel caso specifico viene paragonata la raccolta fondi fatta dagli artisti italiani in favore dei lavoratori dello spettacolo a quella di Malika, che fino a qualche giorno fa ha sollevato molte polemiche.

 

Leggi anche > Fedez, la gaffe è virale: esulta e rivela a tutti dove abita Donnarumma. Tifosi impazziti

 

«Richiedono di procedere all'immediato sequestro», spiega Fedez mostrando l'atto, «Fate schifo, sono stufo di essere perseguitato da voi, è incredibile che nessuno faccia niente per controllare voi che so quello che fate e so come lo fare, che nessuno intervenga sono stufo. Vergognatevi». Lo sfogo di Fedez è duro e diretto.

 

«Io cerco sempre di farmi una risata ma siamo arrivati a un punto in cui questa cosa è insostenibile», aggiunge nel messaggio video, «Io ricordo che il Codacons durante il primo lockdown chiedeva i soldi alle persone con un banner con scritto "donate per l'emergenza Covid" quando i soldi andavano direttamente a loro che con l'emergenza sanitaria nulla avevano a che fare. E questi hanno il coraggio di rompere i c*** dove degli artisti hanno raccolto milioni di euro per aiutare i lavoratori dello spettacolo e paragonarlo alla raccolta fondi di una ragazzina che si è comprata la Mercedes. Come è possibile?».

 

Il cantante è visibilmente spazientito e spiega: «Ho una trentina di denunce, devo andare in tribunale 30 volte per questi str** che intasano i pubblici uffici. Non è possibile» e poi lancia in aria la deuncia. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Luglio 2021, 19:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA