Il Covid affossa anche i giochi e le scommesse: per l'Erario un buco da 4 miliardi euro
di Ida Di Grazia

Il Covid affossa anche i giochi e le scommesse: per l'Erario un buco da 4 miliardi euro

Effetto Covid sulla spesa e sulle entrate erariali dei giochi. La chiusura prolungata dei punti fisici nel 2020 e la crisi economica hanno portato a un calo del 35% delle giocate, con una spesa complessiva crollata da 19,4 a 12,5 miliardi di euro.

 

Leggi anche > Covid, il tasso di positività risale: le tre Regioni che rischiano di tornare in zona rossa dopo le feste

 

Il primo lockdown di marzo aveva visto la chiusura di sale giochi e scommesse su tutto il territorio nazionale per oltre tre mesi. A questo, si è aggiunto un secondo stop, scattato lo scorso ottobre e tuttora in corso. In totale, nel 2020 - secondo i dati dell'industria elaborati da Agipronews –  il settore retail (agenzie di scommesse, sale slot, Bingo) ha registrato un calo del 43%: a subire il danno maggiore sono gli apparecchi (slot e Vlt), che registrano un crollo del 54% rispetto al 2019 (a 4,7 miliardi di euro).

A seguire, le scommesse, con una diminuzione del 36% della spesa, che si assesta a 800 milioni di euro, mentre lotterie e Bingo hanno perso il 25%, fermandosi a 4,4 miliardi. La chiusura del retail ha "spostato" parte dei giocatori verso l'offerta online, che registra nel 2020 un aumento della spesa del 39% a quota 2,5 miliardi.

Il blocco della raccolta nei punti fisici , prosegue agipronews,si è tradotto in un drastico calo delle entrate: nel 2019 gli incassi statali dai giochi avevano superato gli 11 miliardi di euro, secondo i dati del Libro Blu dell’Agenzia delle Dogane. Considerando la chiusura dei punti gioco per oltre cinque mesi nel corso del 2020, alla fine dell'anno la stima dei ricavi fiscali per lo Stato è di poco superiore ai 7 miliardi, con un “buco" di 4 miliardi di euro. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 2 Gennaio 2021, 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA