Frosinone, ok il blocco auto ma l’isola pedonale non convince tutti

Frosinone, ok il blocco auto ma l’isola pedonale non convince tutti

di Gianpaolo Russo

 

«La domenica ecologica? Utile ma se organizzata bene». È questo il coro quasi unanime di commercianti e cittadini di Frosinone dopo il secondo blocco totale della circolazione da inizio anno. Ieri dalle 8 alle 18 niente auto in centro (salvo elettriche ed ibride) e strade semi deserte dove in molti hanno approfittato per farsi un giro in bici, correre o semplicemente farsi una passeggiata.

IN CENTRO

Specie su via Aldo Moro tra le 10 e le 12 in molti hanno camminato lungo l'arteria commerciale cittadina con piccoli spettacoli organizzate da Omnia fitness con lezioni dimostrative di pizzica, danza hip hop e di rowing (canottaggio indoor). Il traffico, impossibilitato a transitare per le vie centrali del capoluogo si è spostato prevalentemente lungo Corso Volsci (Monti Lepini) via Palestrina dove non sono mancate code anche se si trattava di giorno festivo. La maggior parte ha rispettato i divieti ma non sono mancati i furbi. Alla fine la polizia locale ha comminato 60 multe per chi non ha osservato il divieto. Ma ieri è stata anche l'occasione per fare una riflessione su questo provvedimento che accompagna da anni e nei mesi invernali la città di Frosinone impegnata nella lotta contro lo smog. «Fare la domenica ecologica è giusto dichiara Ignazio Delicato dello Shake bar ma se poi si intasa la Monti Lepini perché non ci sono strade alternative il problema smog non si risolve. Poi andrebbero accompagnate da eventi e manifestazioni in grado di spingere le persone a passeggiare lungo le strade altrimenti ha poco senso». «Le domeniche ecologiche così come le isole pedonali devono essere istituite secondo le stagioni e le condizioni meteo spiega Pasquale Amitrano della pizzeria Mystic. Io lavoro con il 70% di asporto e se mi chiudono al traffico la sera non lavoro perché le persone non lasciano l'auto distante e vengono a piedi. Non ha senso organizzarle quando piove o quando ci sono 40 gradi d'estate perché via Aldo Moro resta deserta e si penalizzano solo i commercianti».

LE RICHIESTE

C'è chi chiede più servizi come Marco Berti titolare della gelateria Mastro Gelatiere : «Sono favorevole alle istituzioni della domenica ecologica o delle isole pedonali ma devono essere accompagnate da un aumento dei servizi. Più navette, ripristino dell'ascensore inclinato, organizzazione di eventi e rendere questa arteria attraente con più cura, più panchine, cestini per non sporcare. Le domeniche ecologiche quando piove andrebbero annullate mentre le isole pedonali d'inverno andrebbero fatte nelle ore centrali della giornata e d'estate di sera». «Prima di istituire domeniche ecologiche e isole pedonali afferma Patrizia D'Agostino titolare della tabaccheria andrebbero create le giuste condizioni di accessibilità alle zone interdette. Per questo a Frosinone servirebbe una maggiore dotazione di parcheggi e di strade così da consentire di avvicinarsi alle strade chiuse in maniera agevole. Poi sarebbe giusto avere un confronto ed un'informazione diretta con l'amministrazione su queste tematiche».

LE PREVISIONI

Sotto il profilo dell'inquinamento le previsioni meteo annunciano pioggia e vento già da oggi pomeriggio pertanto la qualità dell'aria dovrebbe restare accettabile almeno sino a metà settimana. Prossima domenica ecologica prevista per domenica 10 marzo.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Febbraio 2024, 09:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA