Ladri in casa, rubati i soldi per l'affitto

Ladri in casa, rubati i soldi per l'affitto

di Alberto Simone

 

Notte da incubo a Piedimonte San Germano: cinque abitazioni visitate dai ladri. In due case i colpi sono però andati a vuoto. I ladri sono stati messi in fuga dai proprietari che avvertendo dei rumori durante la notte hanno sventato il tentativo dei malviventi che tentavano di intrufolarsi nelle stanze. È scattato l'allarme che come sempre viaggia sulle chat di whatsapp dei residenti, ma non tutti sono riusciti ad evitare di essere derubati. Gli uomini incappucciati sono infatti riusciti ad entrare in tre abitazioni, tutte vicine tra di loro, ed hanno fatto razzia. In tutte le case sono riusciti a portare via oggetti in oro e gioielli vari.
In una delle tre case prese di mira, i malfattori hanno potuto agire indisturbati approfittando dell'assenza degli inquilini che erano fuori paese, una coppia di giovani che vivono in affitto. In questo caso il bottino è stato ingente: oltre ai vari oggetti in oro, i malfattori hanno prelevato anche i soldi in contanti che si trovavano in casa e con i quali i ragazzi avrebbero dovuto pagare l'affitto al proprietario di casa.
L'allarme furti, insomma, non lascia tregua in Ciociaria, sono molti i paesi presi di mira e insufficienti le misure per arginare il fenomeno. Poche settimane fa, sempre nel Cassinate, questa volta nel comune di Cervaro, i malfattori allo stesso modo hanno fatto bottino pieno in alcune abitazioni approfittando dell'assenza dei proprietari impegnati in paese nella processione per la madonna de Piternis: anche in questo caso hanno fatto razzia di gioielli e di contanti con un bottino di 20.000 euro nelle quattro case "visitate". Dopo quell'ondata di furti l'amministrazione comunale aveva deciso di correre ai ripari deliberando l'acquisto di altre sei telecamere.

VIDEOSORVEGLIANZA

Ed è stato proprio uno dei dispositivi di sorveglianza installati lungo le arterie del paese a permettere ai carabinieri della locale stazione di incastrare due uomini, un 65enne e un 70enne, entrambi residenti nella provincia di Bologna e già noti alle forze dell'ordine che, nella serata di Ferragosto, hanno tentato un furto ai danni della colonnina self service del distributore di carburanti IP sito sulla Casilina in località "Sordella", nel comune di Cervaro. I due si sono allontanati a bordo della loro auto ma grazie alle numerose telecamere presenti sono stati riconosciuti e immediatamente fermati e denunciati a piede libero.
Telecamere vengono richieste anche a Piedimonte San Germano. Secondo quanto spiegano alcuni dei residenti, i ladri hanno potuto agire anche per via del fatto che i controlli sono carenti e in quella zona non ci sono telecamere che facciano quantomeno da deterrente per scoraggiare i malintenzionati. In paese l'allerta torna dunque molto alta e soprattutto nelle zone di campagna, i residenti annunciano che sono pronti a ripartire anche con le ronde notturne. Scatta anche la corsa all'acquisto degli antifurti. I residenti si sfogano: «Non è possibile vivere con questo incubo e non poter uscire di casa per paura di essere derubati, oltre alle telecamere e agli antifurti c'è bisogno anche di più controlli, soprattutto nelle ore serali».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Agosto 2023, 10:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA