Da San Pietro a San Giovanni, ecco i Vespasiani 2.0 supertecnologici