Giornata mondiale del selfie: ecco gli autoscatti più amati di sempre

Giornata mondiale del selfie. Ecco gli autoscatti puù famosi di sempre.

Nell'ottobre 2016 Bebe Vio, campionessa italiana paralimpica, è riuscita a «strappare» un autoscatto al presidente degli Stati Uniti Barak Obama nel corso di una cena alla Casa Bianca. «Piccolo sgarro al protocollo», aveva scritto felice in rete, «Niente è impossibile».

Celebre poi è il selfie del macaco: nel 2011 il fotografo inglese David Slater, durante un viaggio in Indonesia lasciò la macchina fotografica su un treppiedi. Una femmina di macaco schiacciò più volte il dispositivo scattando diverse fotografie. I "selfie" fecero il giro del mondo assumendo una grandissima importanza in quanto generarono una discussione sul copyright su opere d'arte prodotte da animali non umani. Dopo 2 anni di dure battaglie legali tra Slater e il gruppo animalista Peta si è arrivati a un accordo: Slater ha accettato di donare il 25 % dei futuri guadagni derivanti dalla vendita della foto ad associazioni che proteggono i macachi e la zona naturale in cui vivono in Indonesia; in cambio la PETA ha deciso di rinunciare all’appello.

Ci sono poi i selfie social come quello postato dalla cantante Selena Gomez su Instagram nell'aprile del 2017 che è diventato l'autoscatto con più like di sempre: ben 8.185.824. Nella foto Selena è abbracciata al suo ex fidanzato The Weeknd al festival Coachella, in California. E poi il selfie più retwitatto di sempre: è stato scattato nel corso della premiazione degli Oscar a Los Angeles e pubblicato dalla presentatrice e comica americana DeGeneres. Nella foto, tra gli altri, compaiono Jennifer Lawrence, Meryl Streep, Julia Roberts, Kevin Spacey, Bradley Cooper, Angelina Jolie, Brad Pitt.

Gennaio 2015, Francesco Totti segna una doppietta contro la Lazio e per festeggiare prende un cellulare che gli è stato passato e si scatta un selfie con la curva sullo sfondo. Un selfie con Papa Francesco nel giorno della festa dei lavoratori? Lo ha fatto il coordinatore dei lavoratori agricoli della Usb, Aboubakar Soumahoro, sul sagrato di San Pietro.

E infine un selfie che arriva direttamente da Marte, inviatoda Curiosity: il robot laboratorio della Nasa si è ritratto sulla cima della Namib Dune, dove ha raccolto dei campioni di sabbia. La suggestiva foto è stata realizzata facendo un collage di ben 57 scatti fatti il 19 gennaio dalla fotocamera che si trova sull'estremità del braccio robotico.

 

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA