Ucraina, soldati russi inviati al fronte con giubotti antiproiettile «arrugginiti»: le immagini diffuse dall'intelligence ucraina

foto

Il Cremlino fornisce ai propri soldati inviati in Ucraina giubotti antiproiettile dismessi provenienti dai depositi militari. A diffondere le immagini delle protezioni arruginite e lacerate è la Direzione centrale dell'intelligence ucraina.  «Il 12 marzo, le ferrovie russe hanno consegnato alle reclute un carico di 5.006 giubbotti antiproiettile. All'arrivo del carico, si è scoperto che il tessuto dei giubbotti antiproiettile era quasi completamente marcio e le piastre dell'armatura di metallo arrugginite», denuncia il Ministero della Difesa di Kiev. «I giubbotti antiproiettile sono stati rimossi dal "deposito a lungo termine", dove sono rimasti per anni in condizioni di elevata umidità. Attualmente, questa "protezione" non è fisicamente in grado di proteggere davvero nessuno».

Moskva, il drone per distrarre i radar e il missile Neptune durante la tempesta. L'esperto: «Ecco come gli ucraini l'hanno affondato»

La fornitura di armi obsolete ai militari russi era già stata portata alla luce dall'intelligence in un rapporto di fine marzo, in cui si parlava di armi vecchi e con un basso grado di precisione. Secondo il dicastero, la Russia ha probabilmente utilizzato un numero di armamenti aerei maggiore del previsto nel tentativo di prendere il controllo dei cieli sopra l’Ucraina e sta probabilmente ricorrendo ad armi meno avanzate. 

 


ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA