Niente casa, niente museo, niente decoro. Ecco come Napoli dimentica il Principe della Risata