Psicosi coronavirus, a Milano stazioni e metro deserte