Morto Babiya, il coccodrillo vegetariano venerata come un Dio: aveva 75 anni e mangiava solo fiori

foto

Stavolta sono lacrime per il coccodrillo, perché i devoti indiani del tempio di Ananthapura piangono Babyia, il coccodrillo vegetariano morto alla veneranda età di 75 anni. Il temibile rettile, infatti, non mangiava carne e non cercava prede, ma si nutriva solo di fiori e frutta offerti dai devoti. Babiya era adorato come una divinità, proprio perché un rarissimo esemplare di coccodrillo vegetariano femmina, che viveva nel lago in cui si trova il tempio indiano, nello stato del Kerala.

 

Listeria, pancake al cioccolato Bernard Jarnoux Crepier ritirati: il Ministero della salute invita a non mangiarli

 

Venerato come un Dio

Babiya era amato e celebrato dai fedeli indiani, perché secondo una credenza religiosa locale, il coccodrillo era la reincarnazione di un dio e poterlo vedere mangiare il cibo offerto era ritenuto una sorta di benedizione per la propria vita. Riuscire a vederlo e offrigli cibo era considerato una benedizione. Secondo i monaci del tempio, Babiya passava gran parte del suo tempo all'interno di una grotta, come una guardia che proteggeva un luogo sacro, e veniva fuori solo nel pomeriggio. 

 

Colpito da un sasso in testa all'uscita dalla discoteca: grave un 19enne, ricoverato in terapia intensiva

 

La storia di Babiya

Secondo le credenze locali, un soldato inglese, nel 1945 sparò al coccodrillo nel tempo e giorni dopo Babiya apparve dalla grotta. L'animale non avrebbe mai mangiato altri essere viventi, come i pesci del lago, ma sarebbe vissuto mangiando solo le offerte dei devoti. Il coccodrillo è stato ritrovato senza vita domenica scorsa e con la diffusione della notizia della sua morte, sono moltissimi i commenti sui social, che pregano per l'anima di Babiya.

 


ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

RIMANI CONNESSO CON LEGGO