Stormy, lo scandalo con Trump rilancia la sua carriera: arrivano boutique, film e tournée
di Anna Guaita

Stormy, lo scandalo con Trump rilancia la sua carriera: arrivano boutique, film e tournée

NEW YORK – Altro che i 130 mila dollari che Trump le aveva pagato per comprare il suo silenzio! Grazie a tutto il fracasso che la storia ha generato, Stormy Daniels ha potuto rilanciare la sua carriera a luci rosse, e sta raggranellando somme ben più grandi. Finora la stampa ufficiale non ha osato toccare questo aspetto della vicenda. Ma proprio negli ultimi giorni Stormy ha aperto una boutique online per la vendita di magliette e accessori, e perfino il paludato giornale politico The Hill se ne è accorto.

Da quando è scoppiato lo scandalo, però, Stormy, il cui vero nome è Stephanie Clifford, non solo ha lanciato una tournee di spogliarello che registra regolarmente il tutto esaurito, ma ha anche finito un nuovo film – Stormy’s Secret - in cui torna protagonista.

LEGGI ANCHE: Trump rimborsò l'avvocato che aveva pagato il silenzio della pornostar Stormy Daniels

Da qualche anno, ufficialmente per colpa di un incidente a cavallo (Stormy è una esperta cavallerizza), la pornostar era passata a fare la regista anziché l’interprete delle pellicole. Qualcuno aveva insinuato che a costringerla dietro la macchina da presa fosse stato in realtà il comparire delle prime rughe, se non la stanchezza di un mestiere così indecoroso.

Del suo fortunato rilancio si parla poco, ma il tam tam non ufficiale evidentemente funziona tanto bene, che spesso nel pubblico a vedere Stormy che si esibisce in un mini-tanga rosa con una stola di piume di boa e tacchi neri altissimi, ci sono anche elettori di Trump. E spesso sono i più appassionati: «E bravo il mio presidente che ha fatto sesso con questa dea!» ha reagito uno di loro.

Nel suo sito, Stormy si presenta come una “sbaragliatrice” di bulli, e racconta come la sua carriera nel mondo del porno l’abbia resa impermeabile agli attacchi e alla malignità. A differenza di altre donne che hanno denunciato Trump per molestie e toccamenti indesiderati, Stormy assicura di non essere e di non sentirsi una vittima, di aver fatto sesso volontariamente e di voler solo il diritto di raccontarlo. E usa la sua storia ridendo e facendo l’occhiolino ai sostenitori.

La sua tournee ad esempio si intitola «Make America horny again», «Rendiamo l’America di nuovo arrapata», sulla falsariga di «Make Ameriga great again», lo slogan di Trump. Le magliette che vende portano l’hashtag “TeamStormy”, o riproducono il suo famoso (finto) seno prosperoso, con sotto la scritta «fake boobs > fake news», a dire che il suo seno è “più grande” delle fake news che Trump denuncia continuamente.

 
Sabato 5 Maggio 2018, 21:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA