Donald Trump vuole comprare la Groenlandia. E dall'isola arriva la smentita: «Non è in vendita»

di Loris Alba
Donald Trump vorrebbe comprare l'isola più vasta del pianeta, la Groenlandia.  A dare la notizia del forte interessamento del tycoon alle terre dell'estremo nord dell'Atlantico è il Wall Street Journal.

Trump: «L’Iran vuole fare un accordo sul nucleare»

Secondo quanto riferito dal Journal, Trump ha già discusso l'idea durante una cena dello scorso anno in cui ha affermato di aver sentito che la Danimarca sta trovando abbastanza oneroso il sostegno finanziario al territorio.
Il presidente degli Stati Uniti si sarebbe così informato "ripetutamente" con i suoi collaboratori, anche se alcune volte in maniera non troppo seria, sulle possibilità di un acquisto del territorio autonomo danese da parte degli USA

Secondo due persone vicine al Presidente, citate dal Wsj come fonti anonime, il tycoon avrebbe persino chiesto all'avvocato della Casa Bianca di sondare l'idea.

Non è questo il primo tentativo di acquisto del vasto territorio da parte di un leader americano. Nel 1946 infatti, gli Stati Uniti proposero di pagare alla Danimarca 100 milioni di dollari per avere l'isola.

Né la Casa Bianca né la Danimarca hanno commentato immediatamente la notizia. A settembre intanto, Trump si recherà a Copenaghen in visita ufficiale e potrebbe essere questa l'occasione per affrontare seriamente l'argomento, cercando forse di intavolare una trattativa. Nell'incontro, la prospettiva di acquistare il territorio non dovrebbe essere però all'ordine del giorno.

E intanto, dall'isola, arriva una prima risposta all'indiscrezione: «La Groenlandia non è in vendita». In questo modo,  con una dichiarazione ufficiale riportata dai media americani, il governo danese ha commentato quanto scritto dal Wall Street Journal.

«Siamo comunque aperti al business», aggiunge però il governo danese con un tweet del ministero degli esteri di Copenaghen, in quella che alcuni leggono come un'apertura verso eventuali investimenti degli Stati Uniti in Groenlandia, soprattutto nell'àmbito del turismo.
Sull'isola gli USA sono stati presenti nel tempo con alcune stazioni meteo ed alcune postazioni militari risalenti alla seconda guerra mondiale. Attualmente c'è una grande base militare, la Thule Air Base, che rappresenta l'installazione militare americana più a nord, non lontano dal Circolo Polare Artico.
Venerdì 16 Agosto 2019, 10:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA