La Turchia invade la Siria, Trump: ​«Ora i terroristi dell'Isis scapperanno in Europa»

Mercoledì il presidente Trump ha dichiarato di non essere preoccupato per i prigionieri dell'ISIS potenzialmente in fuga mentre gli Stati Uniti lasciano la Siria settentrionale, sostenendo che i fuggitivi finirebbero in Europa.
A Trump è stato chiesto nella Sala Roosevelt della Casa Bianca della potenziale minaccia di una rinascita dell'ISIS, qualora i suoi combattenti fuggissero una volta che gli Stati Uniti avranno lasciato la regione. «Beh, stanno per fuggire in Europa. Ecco dove vogliono andare. Vogliono tornare a casa loro», ha detto Trump.

 


La Casa Bianca ha annunciato domenica sera che avrebbe rimosso le sue truppe dalla Siria settentrionale. Mercoledì mattina, la Turchia ha iniziato a svolgere un'operazione militare contro le forze curde nella Siria nord-orientale. Le forze armate statunitensi si affidarono alle forze democratiche siriane, guidate dai curdi, come forza di terra locale per combattere l'ISIS. Ma Ankara considera i terroristi curdi siriani come estensione di un'insurrezione curda all'interno della Turchia.

I curdi hanno in custodia circa 12.000 combattenti dell'ISIS catturati, suscitando ulteriori timori che i prigionieri sfuggiranno quando le loro forze militari concentreranno gli sforzi sulla lotta contro la Turchia, innescando così una rinascita del gruppo terroristico.

I legislatori statunitensi hanno ampiamente rimproverato Trump per la sua decisione, sollevando preoccupazioni sul fatto che il cambiamento di strategia degli Stati Uniti aprirà le porte a un massacro dei curdi. Ma il presidente si è detto fermamente convinto della propria decisione. Per Trump è il momento giusto per interrompere il coinvolgimento degli Stati Uniti nella "guerre senza fine" e ha negato che lasciare soli gli alleati curdi per respingere la Turchia comprometterà la capacità del paese di formare future alleanze. «Stiamo uscendo dalle guerre infinite. Dobbiamo farlo», ha detto. «Alla fine, qualcuno avrebbe dovuto prendere la decisione».
 
Giovedì 10 Ottobre 2019, 09:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA