Youtuber uccide la fidanzata facendola morire di freddo sul balcone, poi posta tutto in rete: le immagini choc
di Alessia Strinati

Youtuber uccide la fidanzata facendola morire di freddo sul balcone, poi posta tutto in rete: le immagini choc

Uccide la ragazza e manda in onda la diretta della morte sul suo canale YouTube. Lo youtuber Reeflay, il cui vero nome è Stanislav Reshetnikov, ha lasciato fuori dal balcone la compagna incinta Valentina Grigoryeva, di 28 anni, dopo una lite, ma quando ha aperto il balcone si è reso conto che era morta.

 

Leggi anche > Studentessa uccisa a 21 anni dal suo fidanzato: «Era minacciata da tempo ma non voleva far preoccupare la famiglia»

 

 

La giovane donna è morta assiderata visto che nel villaggio di Ivanovka, vicino a Mosca, le temperature scendono già facilmente molti gradi sotto lo zero. Ad essere ancora più scioccante è la messa in onda del video che immortala ogni attimo di quella tragedia. Prima la donna è stesa a terra, vestita solo del suo intimo, lo youtuber l'accarezza e piange fino a metterla sul divano con una coperta. A quel punto l'uomo, che continua a piangere e a registrare inizia a bere alcolici da una bottiglia, fino all'arrivo dei soccorsi che non possono fare altro che dichiarare il decesso della 28enne.

 

Nella parte iniziale del video Reeflay cerca di svegliare la sua compagna, appellandola con nomignoli e in lacrime chiedendole di svegliarsi. Secondo un rapporto dei media russi, il 30enne sarebbe stato pagato 740 euro da uno spettatore per infliggerle questo abuso nel suo live streaming. Ora lo youtuber è indagato, ma non per omicidio ma per aver divulgato la morte della compagna sulla nota piattaforma video. Il giovane ha infatti dichiarato che si è trattato di un drammatico incidente, come riporta il Mirror.

 

Molti hanno protestato contro la diffusione di immagini così cruente in rete, immagini che potrebbero essere viste da bambini. Una portavoce di YouTube ha dichiarato di essere scioccata da quanto pubblicato:  «Questo tipo di contenuti non è accettabile su YouTube. Anche se il live streaming originale non si è svolto su YouTube, abbiamo rimosso rapidamente i ricaricamenti e chiuso l'account associato».  Purtroppo però il video si trova ancora in rete dove è facile trovarlo.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Dicembre 2020, 18:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA