Wrestler annuncia il suicidio sui social, trovata morta a 46 anni in casa: «Voglio che studino il mio cervello»

Wrestler annuncia il suicidio sui social, trovata morta a 46 anni in casa: «Voglio che studino il mio cervello»

Lutto nel mondo del wrestling. Shannon Spruill, conosciuta dai fan della disciplina con il nome di Daffney Unger, si è suicidata a 46 anni nella sua casa di Atlanta, negli Usa. La donna soffriva da tempo di disturbi mentali e proprio pochi giorni fa aveva comunicato ai suoi folllowers sui social di aver deciso di togliersi la vita.

 

Leggi anche > Passeggera prende a pugni una hostess e le rompe tre denti, il video choc in aereo

 

La wrestler aveva spiegato di essersi procurata nel corso della sua carriera numerosi danni al cervello, aveva ammesso di soffrire di encefalite cronica traumatica, una patologia che secondo i medici, nei casi più estremi, può spingere al suicidio. «Capite che sono sola? Voglio che il mio cervello venga studiato», aveva affermato nel video che poi è stato rimosso, «Voglio che le generazioni future sappiano. Non fate cavolate come me», aveva spiegato.

 

Non sono note le cause del decesso ma a comunicare la notizia è stata la Shimmer Wrestling, la federazione in cui Daffney ha militato per diversi anni, insieme a  Lexie Fyfe, sua cara amica, che ha invitato i fan a rispettare la privacy della famiglia. Tantissimi sono stati i messaggi di cordoglio da parte di colleghi e di fan. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 3 Settembre 2021, 17:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA