Viola il coprifuoco e la polizia lo obbliga a fare 300 squat per punizione, 28enne muore il giorno dopo
di Alessia Strinati

Viola il coprifuoco e la polizia lo obbliga a fare 300 squat per punizione, 28enne muore il giorno dopo

Viola il coprifuoco per il Covid e la polizia lo obbliga a fare 300 squat ma lui muore. Un 28enne filippino, Darren Manaog Penaredondo, è morto dopo essere stato costretto dalla polizia a fare 300 squat come punizione dopo aver violato le norme anti Covid.

 

Leggi anche > Covid, in Brasile 4mila morti al giorno. Bolsonaro contro il lockdown: «Fa ingrassare»

 

Il ragazzo è stato fermato dalla polizia mentre stava comprando delle bottiglie di acqua nella provincia di Cavite, nelle Filippine, dopo le 18, infrangendo quindi l'orario fissato dalle autorità locali come coprifuoco. Come riporrta la stampa locale il fermo è avvenuto il 1 aprile scorso, ma il 5 aprile si è appreso che il 28enne era deceduto. A spiegare cosa è accaduto è stata la compagna della vittima che ha spiegato la punizione barbara messa punto dalla polizia.

 

La compagna Reichelyn Balce ha detto che lui e un gruppo di amici sono stati costretti a fare 100 squat per punizione, ma hanno dovuto ripetere l'esercizio finché non lo avrebbero fatto insieme, contemporaneamente, arrivando così a un totale di 300 squat. Quando la mattina dopo è tornato a casa era distrutto, al punto che la fidanzata credeva fosse stato picchiato: «Non ha voluto rispondere. Non era in grado di stare in piedi e strisciava sul pavimento perché le gambe e le ginocchia gli facevano così male», ha spiegato la donna.

 

Poi le sue condizioni sono peggiorate, il 28enne ha iniziato ad avere le convulsioni, sono stati chiamati i soccorsi ma alla fine non ce l'ha fatta. La vicenda ha scosso molto la comunità al punto che anche il sindaco della città ha rilasciato una dichiarazione su Facebook, impegnandosi a svolgere un'indagine completa. «Vogliamo sapere cosa è successo veramente per il bene della famiglia. Vogliamo far rispettare le regole contro il contagio ma non ha mai fatto parte della nostra politica ferire o torturare chiunque la violi».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Aprile 2021, 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA