Variante Covid, la Francia chiude le frontiere con la Gran Bretagna a tempo indeterminato

Variante Covid, la Francia chiude le frontiere con la Gran Bretagna a tempo indeterminato

Con l'aumento dei casi riconducibili alla variante britannica del coronavirus, la Francia ha deciso di chiudere le frontiere con la Gran Bretagna. La disposizione sarà in vigore a tempo indeterminato, «fino a nuovo ordine».

 

Leggi anche > Coronavirus in Italia, il bollettino di giovedì 7 gennaio: 414 morti e 18.020 casi in più. Positivi e ricoverati tornano a salire

 

Lo ha annunciato il primo ministro francese, Jean Castex, durante una conferenza stampa in cui sono state illustrate le nuove misure restrittive per far fronte all'aumento dei contagi: «Le frontiere con la Gran Bretagna resteranno chiuse fino a nuovo ordine. Tutti gli esercizi che sono attualmente chiusi, lo resteranno almeno fino a fine gennaio. Il virus in Francia circola meno rispetto ai paesi europei più vicini, ma il livello resta elevato e la situazione è ancora fragile». Per bar, ristoranti, cinema, piscine, palestre, musei e impianti di risalita la riapertura potrebbe quindi arrivare solo a metà febbraio, in base alla situazione epidemiologica.

 

Il ministro francese della Salute, Olivier Véran, è intervenuto durante la conferenza stampa spiegando: «Prendiamo molto sul serio le minacce della variante inglese e di quella sudafricana».

 

Jean Castex è poi tornato a parlare delle misure restrittive e dei dati sulla somministrazione dei vaccini. «Il coprifuoco dalle 20 resterà in vigore fino al 20 gennaio, ma ci sono alcune zone in cui la situazione è più grave che si uniranno ai dipartimenti in cui il coprifuoco è già anticipato alle ore 18» - spiega il primo ministro francese - «Negli ultimi cinque giorni abbiamo vaccinato le prime 45mila persone, con le nuove dosi entro fine mese contiamo di arrivare al milione di vaccinazioni. Siamo in ritardo rispetto agli altri paesi europei ma contiamo di accelerare nelle prossime settimane. Dal 18 gennaio potranno vaccinarsi tutti i cittadini dai 75 anni in su. Abbiamo ordinato oltre 200 milioni di vaccini che ci saranno consegnati per tutto il corso del 2021».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Gennaio 2021, 19:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA