Vaccino Covid, direttiva in arrivo: i figli possono decidere di farlo anche se i genitori si oppongono

Vaccino Covid, direttiva in arrivo: i figli possono decidere di farlo anche se i genitori si oppongono

Con l'approvazione del vaccino contro il Covid a tutti i ragazzi dai 12 anni in su, si apre ora una questione spinosa: che cosa accade se gli adolescenti vogliono immunizzarsi ma i loro genitori sono no vax? È quello su cui stanno discutendo, proprio in queste ore, politici ed esperti sanitari nel Regno Unito.

Leggi anche > Jorge Lis morto di Covid a 46 anni. L'ex pilota di moto era no-vax, la sorella: «Pentito di non aver fatto il vaccino»

Come riporta il Telegraph, non si tratta di casi isolati Oltremanica, ed il governo di Boris Johnson è in attesa di un responso da parte di Chris Whitty, capo del Cts inglese. La decisione verterà sull'analisi tra rischi e benefici sul vaccino anti-Covid agli adolescenti, ma il ministro della Salute britannico, Sajid Javid, è pronto a firmare una direttiva senza precedenti.

La legge prevede che, per i ragazzi dai 12 ai 15 anni, è necessario il consenso dei genitori per la vaccinazione. In molti casi, però, i ragazzi vorrebbero vaccinarsi ma i genitori sono contrari. Sajid Javid ha spiegato: «Se c'è una divergenza di opinioni tra i ragazzi e i genitori, possono provare a risolverla gli specialisti del servizio di vaccinazione scolastico. In genere, si fanno confrontare adolescenti e genitori e si cerca in qualche modo una mediazione che possa soddisfare tutti». Se però questo compromesso non dovesse essere raggiunto, allora non ci sono dubbi. «Se il ragazzo è abbastanza maturo e consapevole da poter prendere una decisione del genere, sarà la sua volontà a prevalere su quella dei genitori», ha spiegato ancora il ministro della Salute britannico.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Settembre 2021, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA