Vaccino-cerotto, via alla sperimentazione: elimina le cellule infette dal virus

Se gli studi clinici daranno risultati soddisfacenti, il vaccino definitivo sarà disponibile non prima del 2025

Video

Dalle ricerche ai test clinici: il vaccino-cerotto diventa realtà, parte la sperimentazione in Svizzera. Un vaccino contro il Covid-19 in forma di cerotto, sarà testato presso l'Unisanté di Losanna su 26 volontari sani dal 10 gennaio. Lo riportano i media svizzeri. Il vaccino di nuova generazione funziona su un principio diverso dai vaccini attuali e non utilizza l'Rna messaggero. Mira a indurre l'immunità cellulare piuttosto che la produzione di anticorpi, affidandosi ai linfociti T per eliminare le cellule infette dal virus e impedirne la riproduzione. «Si tratta di un vaccino complementare ad altri vaccini già esistenti. Non intende sostituirli», ha detto Alix Miauton a capo della sperimentazione clinica.

 

Leggi anche > Vaccino, in Israele al via la quarta dose: «Così saremo protetti»

 

«L'obiettivo della sperimentazione è determinare se il vaccino sia sicuro e non induca gravi effetti collaterali», ha spiegato il medico. Si parte lunedì 10 gennaio e ciascuno dei 26 volontari sarà seguito per sei mesi. Nella prima fase il vaccino non avrà ancora la forma di cerotto ma sarà somministrato utilizzando micro-aghi da meno di un millimetro. I primi risultati saranno disponibili entro giugno. Se gli studi clinici di fase 1, 2 e 3 daranno risultati soddisfacenti, il vaccino definitivo sarà disponibile non prima del 2025


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Gennaio 2022, 19:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA