Jake Angeli, lo "sciamano" resta in carcere: «Rifiuta il cibo perché non è biologico»

Video

Dopo l’assalto a Capitol Hill da parte dei ‘patrioti’ sostenitori di Donald Trump, ne è diventato l’uomo simbolo: parliamo di Jacob Chansley, conosciuto come Jake Angeli, l’uomo di origini italiane vestito da sciamano e per questo ormai noto ai più come ‘Jake lo sciamano’, in carcere dopo l’arresto per via degli scontri di pochi giorni fa.

 

Leggi anche > Pena di morte, bloccata l'esecuzione di Lisa Montgomery

 

Lo sciamano, seguace delle teorie di Qanon, è stato interrogato in videoconferenza perché in quarantena per le misure anti Covid: Angeli è accusato di aver fatto irruzione a Capitol Hill, ma secondo la madre sarebbe entrato da una porta già aperta da altri. «Lui voleva solo manifestare a favore di Trump», ha detto la mamma, Martha Chansley, a Fox News. Lui è un grande patriota. «C’erano tanti altri, ma il modo in cui era vestito ha attirato l’attenzione solo su di lui».

 

 

Rifiuta il cibo: non è biologico

 

Angeli è comparso davanti al giudice che ha confermato la sua detenzione: all’Fbi, scrive il Corriere della Sera, aveva raccontato di aver partecipato alla manifestazione su richiesta dello stesso presidente uscente Trump. La madre di Jake è stata intervistata dalle tv americane tra cui la Abc, e ha spiegato che lo sciamano sta rifiutando il cibo in carcere: «Se non mangia biologico sta male», ha detto, specificando appunto che il rifiuto del cibo sia legato proprio al fatto che non è biologico


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Gennaio 2021, 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA