Usa, la Corte Suprema boccia le restrizioni al porto d'armi. Biden: «Profondamente deluso»

Usa, la Corte Suprema boccia le restrizioni al porto d'armi. Biden: «Profondamente deluso»

"Secondo emendamento vale anche fuori casa". Bocciate le restrizioni dello stato di New York.

La Corte Suprema americana boccia le restrizioni al porto di armi a New York. Il Secondo Emendamento, affermano i giudici, si applica anche fuori dalla propria abitazione. Con questa decisione la Corte consacra di fatto il diritto al porto di armi.  Il presidente Joe Biden si dice «profondamente deluso» dalla decisione della Corte Suprema.

 

 

 La sentenza della Corte Suprema è una grande vittoria per la lobby delle armi, la Nra che ha dato sostegno legale al ricorso dei due cittadini dello stato di New York, Robert Nash e Brandon Koch, a cui era stata rifiutata l'autorizzazione a girare armati. I due potevano portare le armi al poligono, a caccia e Koch anche nel tragitto da casa al lavoro, ma ritenevano leso il loro diritto a circolare sempre armati.

 

«Nash e Kosh non hanno ricevuto l'autorizzazione perché non hanno dimostrato la necessità di essere armati ovunque in pubblico», ha sostenuto a nome dello stato di New York la solicitor Barbara Underwood, difendendo la legge che prevede che venga dimostrata «una ragione adeguata» per portare le armi fuori di casa. Ma i sei giudici conservatori della Corte sono stati di diverso avviso, ed ora anche le leggi simili vigenti in California, Hawaii, Maryland, Massachusetts, New Jersey e Rhode Island sono a rischio. Era dal 2008 che la Corte Suprema non si esprimeva sul secondo emendamento quando con un'altra sentenza aveva riconosciuto il diritto di un cittadino di tenere armi a casa per autodifesa.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Giugno 2022, 18:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA