L'uomo più anziano del mondo è giapponese: «Ha 112 anni», e adora i dolci

L'uomo più anziano del mondo è giapponese: «Ha 112 anni», e adora i dolci

Il Guinness World Records ha riconosciuto oggi Masazo Nonaka, un giapponese di 112 anni, come l'uomo più anziano del mondo. Nonaka, che vive in una locanda a conduzione familiare nei pressi delle sorgenti calde della parte settentrionale dell'isola di Hokkaido, ha ricevuto un attestato da Erika Ogawa, vice presidente per il Giappone dell'organizzazione.

L'ex proprietario della locanda nella città di Ashoro ora ama passare il tempo con la sua famiglia, legge i giornali, guarda la TV e adora i dolci, secondo il Guinness, che lo ha certificato come l'uomo più vecchio del mondo dopo Francisco Nunez Olivera in Spagna, morto a gennaio all'età di 113 anni. Nonaka è nato il 25 luglio del 1905, pochi mesi prima che Albert Einstein pubblicasse la sua teoria della relatività speciale. Nel 1931 ha sposato Hatsuno ed ha avuto cinque figli con lei. L'ultracentenario ha sette fratelli e una sorella che vivono nelle vicinanze della città.

«Il successo di Nonaka è notevole. Può darci una lezione importante sul valore della vita e su come estendere i limiti della longevità umana», ha detto Craig Clenday, caporedattore della Guinness World Records. Secondo il gruppo di ricerca Gerontology con sede negli Stati Uniti, la persona più anziana del mondo è invece Nabi Tajima, una donna della prefettura meridionale giapponese di Kagoshima, nata il 4 agosto 1900. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA