Guerra Ucraina, diretta. Gazprom: non possiamo garantire il funzionamento del Nord Stream. Turchia: accordo Mosca-Kiev sul grano

Il monito di Mosca all'Occidente: gli Usa e i loro alleati

Gazprom: non possiamo garantire il funzionamento del Nord Stream. Turchia: accordo Mosca-Kiev sul grano

La guerra entra al 140esimo giorno. Monito di Mosca all'Occidente: gli Usa e i loro alleati «barcollano pericolosamente sull'orlo di uno scontro con la Russia che rischia di provocare una escalation nucleare». Oggi a Istanbul vertice tra Russia, Ucraina e Onu a livello di delegazioni militari sui corridoi marittimi per l'esportazione dei cereali. Salite a 16 le navi mercantili passate nel Danubio per essere caricate con grano ucraino. Intanto monito di Mosca all'Occidente: Usa e alleati barcollano sull'orlo di uno scontro con la Russia che rischia di provocare una escalation nucleare.

Ucraina, Lavrov: Russia pronta a colloqui per esportazioni grano

Sul campo di battaglia, le forze russe continuano a raggrupparsi, riposare, rifornirsi e ricostituirsi, a bombardare aree critiche per creare le condizioni per future offensive di terra e a condurre attacchi di sondaggio limitati. Il Ministero della Difesa russo non ha rivendicato alcun nuovo controllo territoriale il 12 luglio

 

L'esercito russo continua a spingere il fronte nel Donbass in direzione di Slavyansk e Kramatorsk ed è costretto a compensare le pesanti perdite con "un equipaggio non convenzionale". Questo è scritto nel nuovo rapporto dell'intelligence britannica. Viene indicata una carenza di personale che probabilmente costringerà il ministero della Difesa russo a ricorrere al "reclutamento non tradizionale", comprese le carceri.

Guerra, le ultime notizie di oggi 13 luglio

Ore 19.20 - Russia e Ucraina concordano nel creare a Istanbul un centro di coordinamento sui corridoi per l'esportazione di grano dall'Ucraina nel mar Nero. Lo ha affermato il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, come riporta Anadolu, parlando della riunione tenutasi oggi a Istanbul tra delegazioni militari di Kiev, Mosca, Ankara e rappresentanti dell'Onu. «Nelle prossime settimane delegazioni di Ucraina e Russia si vedranno di nuovo in Turchia, saranno esaminati tutti i dettagli e firmato il lavoro fatto» ha detto Akar.

Ore 16.30 - Gazprom non può garantire il buon funzionamento del gasdotto Nord Stream: lo ha reso noto l'azienda russa in un comunicato. «Gazprom non è in possesso di alcun documento che indichi che Siemens è in grado di portare la turbina a gas per la stazione di compressione di Portovaya fuori dal Canada, dove è in riparazione. In queste circostanze non è possibile garantire il funzionamento sicuro della stazione di compressione di Portovaya, che è una struttura fondamentale per il gasdotto Nord Stream», afferma la nota, citata dalla Tass.

Ore 14.54 - La Corea del Nord riconosce l'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk (Dpr). Lo rende noto l'agenzia russa Tass.

Ore 14.28 - Un terzo cittadino americano è tenuto prigioniero dai separatisti filo-russi in Ucraina. Lo rivelano i suoi amici, la famiglia e un gruppo di volontari specializzati nel salvataggio di cittadini americani. Lo rende noto il Guardian. Suedi Murekezi, 35 anni, è stato arrestato il mese scorso a Kherson, una città portuale occupata dalla Russia nel sud dell'Ucraina, dove viveva da più di due anni, ha detto suo fratello Sele Murekezi. «Siamo tutti estremamente preoccupati per il suo benessere. E' ovviamente in pericolo», ha aggiunto. - Dopo non averlo sentito per un mese, Sele ha ricevuto una telefonata da suo fratello nelle prime ore del 7 luglio, in cui diceva di essere stato imprigionato a Donetsk, la città più grande dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk sostenuta dalla Russia. Murekezi ha anche detto di essere nella stessa prigione di Alexander Drueke e Andy Tai Ngoc Huynh, due combattenti americani catturati dalla Russia il mese scorso. A differenza di Drueke e Huynh, gli amici e la famiglia di Murekezi affermano che non ha partecipato a nessun combattimento in Ucraina e si è trasferito nel paese circa quattro anni fa, stabilendosi a Kherson nel 2020. Al telefono, Murekezi ha detto a suo fratello di essere stato falsamente accusato di aver partecipato a proteste filo-ucraine, un'accusa che suo fratello e due amici intimi di Kherson hanno negato. «Lo stanno usando come una pedina per i loro scopi di propaganda», ha detto Sele Murekezi. 

Ore 14.08La Russia e l'Ucraina non stanno tenendo colloqui di pace finalizzati a mettere fine all'aggressione lanciata dal premier Vladimir Putin. Lo ha confermato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba addossando la responsabilità a Mosca. «Attualmente non ci sono colloqui di pace tra Russia e Ucraina a causa della posizione della Russia e della sua continua aggressione contro il nostro Paese», ha spiegato.

Ore 13.34 - Il fatto che l'Iran aiuti la Russia contro l'Ucraina è una minaccia grave. Lo afferma il consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, secondo quanto riportato dai media americani.

Ore 12.30«I mutamenti geopolitici e le conseguenze della guerra della Russia contro l'Ucraina avranno un impatto duraturo sulla sicurezza dell'Ue per gli anni a venire». Lo si legge nell'ultimo rapporto annuale sul terrorismo e l'estremismo pubblicato da Europol. «La guerra ha già attirato diversi individui radicalizzati dagli Stati membri che si sono uniti alla lotta da entrambe le parti: dobbiamo continuare a monitorare da vicino questi sviluppi, facendo tesoro delle lezioni lezioni apprese in passato nell'affrontare i combattenti stranieri di ritorno dai campi di battaglia in Medio Oriente», si legge nel rapporto

Ore 12.03La Russia continua a bombardare la regione di Donetsk: stamattina una persona è stata uccisa e altre sei ferite. Lo ha detto Pavlo Kyrylenko, capo dell'amministrazione militare regionale, in un post su Telegram riportato da Ukrinform. «Il distretto di Bakhmut oggi soffre di più. A Bakhmut, una persona è morta, altre cinque sono state ferite...I russi hanno lanciato tre missili contro Kostiantynivka: una persona è stata ferita. Un edificio industriale e una casa privata sono stati danneggiati, le finestre sono state rotte in diversi edifici residenziali vicini», ha aggiunto, specificando che le forze russe hanno colpito con missili un'area vicina a un asilo nido e che continuano a bombardare la comunità territoriale di Zvanivka, danneggiando sette case nelle ultime 24 ore.

Ore 11.10 - L'Ucraina e la Russia sono a «un passo» dal raggiungere un accordo sulla questione delle esportazioni di grano, ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba al quotidiano spagnolo El Pais, riportato dalla Tass. «L'Ucraina è pronta a esportare il suo grano sul mercato internazionale», ha detto, «siamo alla fase finale e ora tutto dipende dalla Russia». E ha aggiunto: «Se lo vogliono davvero, l'esportazione di grano inizierà presto».

Ore 10.00Il capo dell'autoproclamata repubblica del Donetsk (Dpr) Denis Pushilin ha affermato che se la Corte suprema della Dpr confermerà le condanne a morte dei mercenari stranieri, questi saranno giustiziati da un plotone di esecuzione. Intanto tutti i prigionieri stranieri condannati a morte hanno presentato appello. «Tutti gli stranieri hanno presentato ricorso. Se il tribunale riconoscerà questa misura punitiva, saranno consegnati all'agenzia corrispondente per l'esecuzione della sentenza». Il 9 giugno un tribunale della Dpr ha condannato a morte due combattenti britannici e uno marocchino, Aiden Aslin, Shaun Pinner e Saaudun Brahim.

Putin, la figlia Katerina nominata capo del Consiglio per la sostituzione delle importazioni: lo Zar prepara la sua successione?

Ore 8.06Il Congresso mondiale ucraino ha avviato un'azione legale contro il Canada per la violazione delle sanzioni e il trasferimento di turbine riparate in Germania per il gasdotto Nord Stream 1. «Negli ultimi giorni, il Congresso mondiale ucraino, insieme al Congresso canadese ucraino, ha chiesto al governo canadese di revocare la deroga fornita a Siemens Canada che consente la restituzione delle turbine Nord Stream 1 riparate alla Germania. Abbiamo anche invitato il governo a garantire che tutte le sanzioni imposte dal Canada alla Russia rimangano in vigore e siano notevolmente rafforzate», ha dichiarato ieri l'organizzazione, «ad oggi, i nostri sforzi non hanno avuto successo e non abbiamo avuto altra scelta che intraprendere un'azione legale». L'organizzazione ha presentato un avviso di richiesta di riesame giudiziario, affermando che la decisione di concedere il permesso non era ragionevole, trasparente o adeguatamente autorizzata.

Ore 8.00 - L'esercito ucraino ha respinto un assalto russo contro gli insediamenti di Dovhenke e Dolyna, in direzione di Sloviansk, nella regione di Donetsk. Lo ha dichiarato lo Stato Maggiore ucraino riportato da Ukrinform. Sempre nell'Est del Paese l'esercito della Federazione ha bombardato la città di Kharkiv e gli insediamenti di Sosnivka, Dementiivka, Mykilske, Ruski Tyshky, Cherkaski Tyshky, Pytomnyk, Slatyne, Prudianka, Nove, Ivanivka e Zalyman utilizzando cannoni e razzi.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Luglio 2022, 07:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA