Denuncia la scomparsa dei suoi genitori dopo averli uccisi e fatti a pezzi: «Non mi sento in colpa»

Denuncia la scomparsa dei suoi genitori dopo averli uccisi e fatti a pezzi: «Non mi sento in colpa»

Aveva denunciato la scomparsa dei genitori, ma in realtà potrebbe essere stato lui a ucciderli. Chandler Halderson, 23enne americano di Windsor, nello Stato del Wisconsin è sospettato di aver ucciso e fatto a pezzi il padre Bart, 50 anni, e la mamma Krista, 53. Qualche mese fa ne aveva denunciato la scomparsa, ma secondo gli inquirenti potrebbe essere tutta una montatura.

 

Leggi anche > Violentò e uccise due ragazzine 15enni: scarcerato dopo 33 anni. Bufera in Gran Bretagna

 

Il giovane aveva raccontato che i genitori non sarebbero riusciti a fare rientro da una loro gita in montagna dopo essere andati per qualche giorno nella loro casa nel nord del Wisconsin. Poco dopo la denuncia il corpo di Bart è stato trovato smembrato in una proprietà rurale a Cottage Grove. Nelle circostanze si sono concentrate le indagini che hanno portato alla scoperta dei resti del corpo anche della 53enne. A quel punto per Chandler sono scattate le manette. Secondo l'accusa il ragazzo avrebbe sparato ai genitori prima di smembrarli e nascondere i cadaveri.

 

Non è ancora chiara la dinamica dell'omicidio, né il motivo che possa aver spinto il figlio a uccidere i genitori. Il ragazzo, interrogato dalla polizia, è rimasto sempre vago, ha più volte ripetuto che gli agenti non sanno come sono andate le cose e alla domanda se avesse mai avuto pensieri suicidi ha risposto che non si sentiva in colpa per quello che aveva fatto. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Settembre 2021, 16:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA