Trans donna rinchiusa in un carcere maschile: «Ogni giorno ho paura di essere violentata»

Trans donna rinchiusa in un carcere maschile: «Ogni giorno ho paura di essere violentata»

Rinchiusa nel carcere maschile nonostante non sia più un uomo: una transgender, recentemente diventata donna a tutti gli effetti, sta vivendo un incubo in una prigione statunitense, trattata come un uomo e rischiando di venire violentata tutti i giorni. Di Kanautica Zayre-Brown, 37 anni, hanno parlato i media americani, che hanno descritto la sua terribile situazione a un anno e mezzo dalla condanna a 10 anni per frode assicurativa.

Bimba di 7 anni a scuola con un succhiotto: «Papà mi fa violentare da altri uomini»

La trans è rinchiusa nel carcere di Harnett, nel North Carolina: dorme in una camerata con altri 37 uomini con cui condivide il bagno e la doccia, e vive con la paura di essere stuprata in ogni momento. Nata uomo, dal 2012 al 2017 si è sottoposta a diverse operazioni per cambiare sesso, fino alla chirurgia irreversibile: ma prima di essere condannata non ha completato le procedure riguardo il cambio di genere sui documenti, per questo non è stata mandata in un carcere femminile.
 


«Sono una donna, voglio che lo Stato mi riconosca come una donna e mi tratti come tale», ha detto: le autorità stanno vagliando il suo caso, ai limiti dell’incredibile, e potrebbero prendere una decisione in tempi brevi. «Non voglio più stare in un carcere maschile, non penso che sia giusto», le sue parole, riportate dai media locali tra cui l'emittente televisiva WRAL. La comunità LGBT locale si sta battendo per lei, per cercare di far sì che il suo incubo finisca.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Febbraio 2019, 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA