Parigi, Torre Eiffel a rischio? L'allarme degli esperti: «È piena di ruggine, ha bisogno di riparazioni»

La rivista francese Marianne pubblica dei rapporti riservati che parlano di un forte rischio per la durata della struttura

Torre Eiffel a rischio? L'allarme degli esperti: «È piena di ruggine, ha bisogno di riparazioni»

Quando fu completata nel 1889, la Torre Eiffel, l'Iron Lady di Parigi, avrebbe dovuto durare 20 anni prima di essere smantellata. Ma 133 anni dopo, la torre svetta ancora su Parigi della quale è diventata il simbolo per eccellenza. Ma adessoil rischio è che possa crollare, arriva l'allarme degli esperti: «È piena di ruggine, ha bisogno di riparazioni».

Leggi anche > La Venezia di Monet, veduta italiana più pagata di sempre: asta da record da Sotheby's

Ma nonostante la sua inaspettata longevità, il simbolo degli innamorati rischia grosso. Secondo alcuni rapporti riservati, trapelati alla rivista francese Marianne, infatti, il monumento è in cattive condizioni e mangiato dalla ruggine. La torre ha bisogno di una riparazione completa, si sostiene, ma invece di curarsi di questi rapporti scritti da esperti del settore, a Parigi si è deciso di effettuare solo un restyling estetico in vista dei Giochi Olimpici del 2024 previsti nella capitale francese. 

«Se Gustave Eiffel visitasse il luogo, avrebbe un attacco di cuore», scrive un manager senza nome della torre alla rivista Marianne. La torre alta 324 metri per ben 7.300 tonnellate di ferro fu costruita per l'Esposizione Universale del 1889. Ha circa 2,5 m di rivetti ed è stata costruita utilizzando il ferro delle pozzanghere, inventato in Gran Bretagna durante la rivoluzione industriale attraverso un processo che produceva ferro battuto di alta qualità e più puro rimuovendo il carbonio dalla ghisa durante il processo di fusione.

Eiffel, l'ingegnere civile la cui azienda progettò e costruì il monumento, ha affermato che l'identificazione e l'arresto della diffusione della ruggine era la sfida più grande alla longevità della costruzione e ha suggerito che avrebbe dovuto essere verniciata ogni sette anni. «La vernice è l'ingrediente essenziale per proteggere una struttura metallica e la cura con cui viene eseguita è l'unica garanzia della sua longevità», scrisse all'epoca.

La torre è stata ridipinta con un costo di 60 milioni di euro in preparazione per le Olimpiadi del 2024, ma è soltanto la 20esima volta che il monumento è stato ridipinto nel corso della storia. Un terzo della torre doveva essere levigato per togliere la ruggine e poi riverniciato con due nuovi strati. Tuttavia, i ritardi dei lavori causati dal Covid e la presenza di piombo nella vecchia vernice hanno portato alla decisione che solo il 5% della struttura verrà trattato.

Gli esperti hanno detto a Marianne che il lavoro effettuato è solo un lifting cosmetico e hanno previsto che il risultato finale sarà «deplorevole». La società che sovrintende alla torre, Sete, di proprietà del 99% del municipio, è contraria a chiudere il monumento per un lungo periodo a causa delle entrate turistiche che andrebbero perse. La torre riceve circa 6 milioni di visitatori in un anno, il che la rende il quarto sito culturale più visitato in Francia dopo Disneyland, il Louvre e la Reggia di Versailles. La sua chiusura forzata a causa del Covid nel 2020 ha portato a una perdita di 52 milioni di euro di entrate.

Un rapporto del 2010 recitava: «Sete deve dare un'altra occhiata alla Torre Eiffel e presentare una politica di manutenzione completamente nuova incentrata sul collaudo della struttura metallica invecchiata». Un secondo rapporto nel 2014 ha rilevato che la torre presentava crepe e ruggine, e un terzo nel 2016 ha rilevato 884 faglie di cui 68 che si dice costituissero «un rischio per la durata della struttura».

Sul sito web della torre, Bertrand Lemoine, architetto, ingegnere e storico, offre una visione più ottimistica. Dice che il nemico del ferro è la corrosione, causata dall'ossidazione del ferro esposto all'aria e all'acqua. Ma dice anche che se fosse la Torre Eiffel verrà ridipinta ciclicamente, il monumento durerà per sempre.


Ultimo aggiornamento: Martedì 5 Luglio 2022, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA