Terrorismo, progettavano un attacco durante le feste: arrestati due 23enni

Terrorismo, progettavano un attacco durante le feste: arrestati due 23enni

Volevano accoltellare passanti a caso in una strada molto affollata e poi «morire da martiri»

Sventato un attentato di matrice islamista in Francia a Natale. Due uomini di 23 anni sono stati arrestati e messi sotto inchiesta per un progetto «serio e imminente» di attentato jihadista. Secondo fonti degli inquirenti, volevano accoltellare passanti a caso in una strada molto affollata e poi «morire da martiri», per mano delle forze armate francesi. Secondo le Parisien, uno dei due ammette di aver parlato del progetto con l'altro, mentre quest'ultimo nega tutto. Uno dei due è noto alla polizia per la sua radicalizzazione. 

 

Leggi anche > Patrick Zaki esce dal carcere dopo 22 mesi e abbraccia la madre. «Sto bene, forza Bologna», le prime parole

 

I due 23enni erano sotto sorveglianza dei servizi segreti, che avevano intercettato alcuni loro scambi su Internet durante il quale parlavano del loro piano in nome dell'Islam, ha rivelato Le Parisien, secondo cui i sospetti nelle settimane scorse si erano anche incontrati di persona. Il loro obiettivo sarebbe stato un centro commerciale o una via affollata di negozi per colpire più gente possibile. I due sono stati arrestati a Meaux (dipartimento di Seine-et-Marne) e a Pecq (Yvelines) dagli agenti della Dgsi il 29 novembre scorso e incriminati per «associazione ad un'organizzazione terroristica criminale» il 3 dicembre. Nelle perquisizioni dei loro domicili sono stati sequestrati coltelli, computer e telefonini, nei quali è stata trovata una «importante» propaganda jihadista. Nel corso degli interrogatori, uno dei due giovani ha confessato di voler uccidere «infedeli» e di voler morire da martire, rivendicando la sua appartenenza all'Isis. L'altro arrestato ha invece negato ogni accusa.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Dicembre 2021, 18:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA