Terremoto in Albania, ancora forti scosse. La sindaca di Durazzo si dimette dopo la gaffe in tv

Terremoto in Albania, ancora forti scosse. La sindaca di Durazzo si dimette dopo la gaffe in tv

L'Albania ancora alle prese col terremoto: dopo la devastante scossa di magnitudo 6.5, che martedì scorso ha causato 51 vittime, lo sciame sismico prosegue con varie scosse di assestamento, più deboli ma comunque di una certa intensità. E intanto, travolta dalle polemiche, la sindaca di Durazzo ha annunciato le proprie dimissioni.

Leggi anche > Terremoto Albania, nuova forte scossa: avvertita anche a Tirana



Valbona Sako, da appena quattro mesi sindaca della città più colpita dal fortissimo terremoto, ha infatti rassegnato le proprie dimissioni dopo essere finita nella bufera in seguito ad una dichiarazione poco felice rilasciata in tv. Come spiega l'Ansa, la prima cittadina di Durazzo, in un'intervista all'emittente televisiva albanese Top Channel, aveva commentato così le conseguenze del sisma: «Dobbiamo essere soddisfatti anche di 50 vittime».

La dichiarazione di Valbona Sako, da un certo punto di vista, era comprensibile: il senso, infatti, è che un terremoto così devastante avrebbe potuto avere un bilancio ancora peggiore dal punto di vista delle vite umane. In molti, però, hanno attaccato ferocemente la sindaca di Durazzo, accusandola di non aver avuto rispetto del dolore delle famiglie delle vittime.
Per questo motivo, la donna ha spiegato su Facebook: «Ferita dalla grande reazione negativa ad un commento che ho rilasciato in un momento di forte stress, annuncio le mie dimissioni dall'incarico di sindaco di Durazzo. Ringrazio di cuore tutti coloro che hanno creduto in me e spero nella comprensione di tutti».

Intanto, solo nella mattinata di oggi, registrate, decine scosse di assestamento, con magnitudo fino a 3.9. L'ultima di questa potenza, avvertita poco prima delle ore 13.00, aveva l'epicentro a 2 chilometri a nord di Durazzo, con profondità di 27 chilometri.
Domenica 1 Dicembre 2019, 21:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA