«Tamponi vaginali forzati in aeroporto»: l'incubo di cinque turiste australiane in Qatar. Cos'è accaduto

Sul volo era stato trovato in bagno un neonato abbandonato. Passeggeri del volo sottoposti ad esami invasivi

«Tamponi vaginali forzati in aeroporto»: l'incubo di cinque turiste australiane in Qatar. Cos'è accaduto

di Redazione web

Sottoposte ad esami vaginali forzati e ad altre procedure mediche invasive all'aeroporto di Doha, nel Qatar. Violenze che cinque donne australiane hanno deciso di denunciare, citando in giudizio il governo del Qatar e la compagnia aerea Qatar Airways, che le avrebbe obbligate, sotto la minaccia delle armi. Il controllo eccessivo secondo le donne australiane, è avvenuto due anni fa, ed avrebbe provocato problemi alla loro salute mentale, tra cui depressione e disturbo da stress post-traumatico.

Gruppo di runner attaccato dai calabroni: scoppia il panico, un 48enne finisce in ospedale

Neonato abbandonato

Le passeggere di Qatar Airways stavando volando in direzione di Sydney, ma tutti i passeggeri, compresi cittadini provenienti da Australia, Nuova Zelanda e Gran Bretagna, sono stati fatti scendere dall'aereo e sottoposti a esami invasivi, dopo che sul bagno della compagnia aerea è stato scoperto un neonato; l'abbandono dei neonati è un problema molto diffuso nel paese che sta per ospitare i mondiali di calcio 2022, che imprigiona le donne in gravidanza fuori dal matrimonio, perché il sesso tra persone non sposate è considerato illegale.

Orrore all'asilo nido, la maestra terrorizza i bambini con la maschera di Scream: in quattro a processo

Richiesta di danni

A distanza di due anni, le cinque australiane ora chiedono un risarcimento per i danni morali ed il «contatto fisico illegale» subito all'aeroporto di Doha; le donne sono state portate in ambulanza, alcune sotto la minaccia delle armi, sono state rinchiuse all'interno ed obbligate ad abbassare gli slip per un esame ginecologico.

I funzionari del Qatar, inizialmente hanno detto che tali pratiche fossero incoerenti con la cultura e i valori del loro paese, ma in seguito alle polemiche molte accese in Australia, tanto da far intervenire anche il premier Scott Morrison, con una denuncia ufficiale, i funzionari dell'aeroporto si sono scusati, mentre un ufficiale che ha organizzato le perquisizioni è stato arrestato. Il neonato abbandonato, invece, è sopravvissuto ed è stato affidato ai servizi sociali.


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Ottobre 2022, 21:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA