Sulle piste da sci in Svizzera anche senza Green pass, ma l'ufficio federale frena: «Annuncio affrettato»

Sulle piste da sci in Svizzera anche senza Green pass, ma l'ufficio federale frena: «Annuncio affrettato»

Il Green pass non servirà per usare gli impianti di risalita delle piste da sci in Svizzera. Il via libera dato dall'Associazione funivie svizzere è stato però presto frenato dalla l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) che è intervenuto poco dopo, parlando di «annuncio affrettato». Per il responsabile del settore crisi dell'Ufsp Patrick Mathys, la rinuncia all'obbligo del certificato giunge troppo presto. «Penso che sia un po' audace dire ora che sarà così», ha detto Mathys, ricordando come non siano le ferrovie di montagna a decidere le misure di protezione, ma il governo federale.

 

Leggi anche > Bimba di 11 anni scompare mentre fa jogging: «Forse presa da una setta che abusa di minori»

 

Intanto l'obbligo di green pass rimane per tutti i ristoranti, compresi i rifugi di montagna. In un comunicato pubblicato in occasione dell'assemblea generale che si tiene oggi e domani a Le Chable e Verbier, nel Vallese, Funivie Svizzere afferma che per il momento non saranno introdotte modifiche all'attuale piano di protezione degli impianti di risalita. Questo significa che si potrà iniziare la stagione invernale nelle stesse condizioni in vigore nei trasporti pubblici non turistici: obbligo di indossare la mascherina nei locali al chiuso (cabine degli impianti comprese) e di mantenere le distanze all'interno degli edifici.

 

A differenza dello scorso inverno, la capacità delle cabine non sarà inoltre limitata. La mascherina non sarà invece richiesta su skilift e seggiovie. Le comunicazioni odierne di Funivie Svizzere sono state commentate alla conferenza stampa degli esperti della Confederazione dal responsabile del settore crisi dell'Ufsp Patrick Mathys, secondo cui l'annuncio della rinuncia all'obbligo del certificato giunge troppo presto. «Penso che sia un pò audace dire ora che sarà così», ha detto Mathys, ricordando come non siano le ferrovie di montagna a decidere le misure di protezione ma il governo federale.


Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Ottobre 2021, 19:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA