Sorelline di 2 e 4 anni giù dalla finestra: morta la più piccola, l'altra è grave. Arrestato il papà

L'uomo, un 23enne denunciato dalla madre per violenza domestica, ha negato le accuse

Sorelline di 2 e 4 anni giù dalla finestra: morta la più piccola, l'altra è grave. Arrestato il papà

Due bambine di due e quattro anni sono cadute dal quarto piano di un palazzo a Chambon-Feugerolles, comune della Loira, in Francia. La più piccola è morta, mentre la sorella è ricoverata con prognosi riservata e in queste ore sta lottando per la vita. Il sospettato principale è il padre, un uomo di 23 anni, arrestato e denunciato per omicidio, che ha però negato le accuse. 

I soccorritori la salvano da un'overdose: lei li prende a morsi. «Spero di avergli trasmesso l'Aids»

Il figlio 13enne ha sempre mal di testa, i genitori non gli credono: «Non vuole andare a scuola». Poi la diagnosi choc

Cosa è successo

A lanciare l'allarme venerdì sera sono stati i vicini, che quando si sono resi conto della tragedia che si stava consumando a pochi passi da casa loro, hanno subito avvisato i soccorsi. La sorella maggiore è stata trasportata in ospedale a Lione con l'elisoccorso, mentre per la ragazzina di due anni non c'è stato nulla da fare. Era stata ricoverata a Saint-Étienne in condizioni disperate, ma è deceduta poco più tardi. 

Denunciato dalla madre

Secondo i media francesi, la famiglia era da tempo sotto la lente dei servizi sociali. Le bambine si trovavano in casa con il padre, attualmente l'unico sospettato. La madre, adesso al capezzale della figlia, era andata via di casa insieme alle bambine nel 2021, dopo aver denunciato di aver subito violenze domestiche per un lungo periodo di tempo. L'uomo, che durante l'interrogatorio ha parlato pochissimo, ha negato di aver gettato le figlie dalla finestra. «È una tragedia immane – ha detto il sindaco di Chambon-Feugerolles David Fara -. I residenti hanno chiesto aiuto, anche loro molto scioccati dopo aver scoperto i due corpi».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Settembre 2022, 20:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA