Sopravvissuta alla strage a scuola si uccide a 19 anni: «Si è tolta la vita per senso di colpa»
di Simone Pierini

Sopravvissuta alla strage a scuola si uccide a 19 anni: «Si è tolta la vita per senso di colpa»

Sgomento e dolore in Florida per il suicidio di una ragazza di 19 anni, Sydney Aiello, che era sopravvissuta l'anno scorso alla strage nel liceo di Parkland. I genitori, che hanno celebrato oggi il funerale, hanno dichiarato al Miami Herald che la figlia si è tolta la vita per il «senso di colpa di essere sopravvissuta». Fra le 17 vittime della sparatoria del 14 febbraio dell'anno scorso c'era anche la migliore amica di Sydney, Meadow Pollack.

Florida, sparatoria a scuola: 17 morti. "Prof uccisa, difendeva gli studenti"​

Strage Florida, chi è il killer Nicolas Cruz: studente espulso
 
 

«È terribile quanto è accaduto. Meadow e Sydney sono state amiche per tanti anni», ha commentato il padre di Meadow, Andrew Pollock, esortando altri ragazzi sopravvissuti che non riescono a gestire il dolore ad entrare in contatto con lui. «Uccidersi non è la risposta giusta», ha aggiunto. La sparatoria alla Marjory Stoneman Douglas High School ha provocato la nascita di un movimento di studenti in tutti gli Stati Uniti per chiedere un maggior controllo sulla vendita delle armi. Fra i protagonisti di questa battaglia vi sono diversi sopravvissuti alla strage. 
Ultimo aggiornamento: 21:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA