Uccide la moglie perché non facevano abbastanza sesso, poi spara ai vicini di casa
di Alessia Strinati

Uccide la moglie perché non facevano abbastanza sesso, poi spara ai vicini di casa

Uccide la moglie perché non facevano abbastanza sesso. Jason Michael Mesich ha ucciso la moglie Angela Lynn nella loro casa di Minneapolis sostenendo che non facevano abbastanza spesso sesso, poi è uscito di casa e ha sparato ai vicini dicendo di essere infastidito dalle urla del loro bambino.

Leggi anche > Cinque bambini trovati morti, la nonna accusa la mamma: «Li ha uccisi tutti». Poi ha tentato il suicidio

L'uomo è stato arrestato con l'accusa di omicidio e tentato omicidio. La polizia è giunta sul luogo allertata dal vicinato e ha trovato la due persone in gravi condizioni e la moglie, ormai cadavere nel loro scantinato. Pare che l'uomo sia andato su tutte le furie all'ennesimo rifiuto della moglie e dopo averla accusata di non fare abbastanza sesso l'ha uccisa, successivamente è uscito in strada e ha sparato sui vicini, Canisha e Makayla Saulter, che erano con il figlio di 18 mesi.

Mesich ha dichiarato di essersi innervosito con le grida del bambino che fortunatamente non è stato raggiunto dalle pallottole. Makayla, come riporta il Sun, è stato colpito alla testa ed è in condizioni critiche con un cranio fratturato, mentre Canisha è stata colpita più volte ed è anche in ospedale con un'anca e una caviglia rotte.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Settembre 2020, 16:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA