Sesso con i fidanzati delle figlie adolescenti ma non va in galera: «Ho smesso, mi sentivo in colpa»

Sesso con i fidanzati delle figlie adolescenti ma non va in galera: «Ho smesso, mi sentivo in colpa»

Ha sedotto i fidanzati adolescenti delle sue due figlie e ha fatto sesso con loro. Così Coral Lytle, una mamma californiana di 41 anni, è stata arrestata e condannata. La donna, però, non sconterà la sua pena in galera, nonostante la sua storia abbia sconvolto l'opinione pubblica. All'epoca dei fatti i ragazzini avevano 14 e 15 anni. Una delle vittime ha raccontato di aver fatto sesso con la mamma della fidanzata tre volte, l’ultimo incontro è avvenuto il 5 ottobre 2017.

Fabrizio Corona resta in carcere: deve scontare di nuovo 5 mesi 

Meghan Markle di nuovo su Instagram? Le prove del suo ritorno in incognito

La donna avrebbe interrotto i rapporti perché si sentiva in colpa nei confronti del marito. Coral, accusata di 21 reati sessuali, ha dovuto affrontare una lunga pena detentiva, poi sospesa. Dopo aver valutato l’istanza del legale di Coral, il giudice non ha ritenuto appropriata la condanna a sei anni di carcere. La notizia ha indignato la comunità e ha provocato un acceso dibattito social.



Coral ha abusato di due minorenni, ma godrà di alcune attenuanti. Nel frattempo la vita delle loro figlie è sconvolta e il marito ha chiesto il divorzio pochi giorni dopo il suo arresto. Il procuratore distrettuale della contea di Tulare ha sottolineato che «oltre ad averli circuiti e manipolati, gli ha fornito alcol e fatto fumare sigari». 
Venerdì 19 Aprile 2019, 14:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA