Raccontava sui social la separazione dal marito: «Un amore tossico», 29enne uccisa dall'ex

La giovane fotografa voleva esorcizzare il suo dolore ed essere di supporto a chi soffriva come lei

Raccontava sui social la separazione dal marito: «Un amore tossico», 29enne uccisa dall'ex

Raccontava la sua separazione dal marito sui social ed è stata uccisa dall'ex. La 29enne Sania Khan è stata uccisa a Streeterville, quartiere dell'area North Side di Chicago, nello stato dell'Illinois, dal marito che non accettava il fatto che parlasse della loro relazione sui social. Sania aveva scelto di raccontare quello che stava vivendo, un po' per alleggerire il dolore che provava, ma anche per dare sostegno a chi stava soffrendo come lei.

Leggi anche > Finta infermiera tenta di rapire un neonato dall'ospedale, arrestata una 23enne

Leggi anche > Investita da un'auto pirata, 18enne partorisce il figlio morto dopo l'incidente

Il racconto su TikTok

Per questo la 29enne, fotografa professionista, negli ultimi mesi si era messa davanti all'obiettivo su TikTok, dove aveva raccontato apertamente il suo divorzio. La relazione, purtropppo, aveva avuto un epilogo triste e difficile e lei stessa aveva parlato di un amore tossico, dopo che quello che credeva essere l'uomo della sua vita era diventato in realtà un suo carnefice.

Khan ha anche pubblicato un post sullo stigma culturale del divorzio nella sua comunità. In un video ha scritto: "Divorziare come donna dell'Asia meridionale sembra che a volte tu abbia fallito nella vita". Proprio le difficoltà incontrate nel suo paese, la Georgia, l'avevano spinta a trasferirsi a Chicago ma non è bastata la distanza a fermare l'ex che l'ha raggiunta negli Stati Uniti e l'ha uccisa. 

 

A lanciare l'allarme sono stati i vicini di casa della ragazza allarmati per aver sentito degli spari, la polizia, una volta sul posto ha trovato la donna ormai priva di vita e accanto a lei l'ex marito che si è tolto la vita. Sania è stata dichiarata morta sul posto, l'ex invece è stato portato d'urgenza al vicino Northwestern Memorial Hospital, dove è morto poco dopo.

«Aveva fatto tutti i passi giusti. Se n'è andata. Aveva un ordine restrittivo. Ha cambiato le serrature. Ma è tragico scoprire che non è servito a nulla», ha dichiarato un'amica della vittima. Un dolore che ha devastato tutta la sua famiglia che le ha dedicato un pensiero con diversi messaggi sui social.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Luglio 2022, 13:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA