Scomparso 22 anni fa: il cadavere trovato in un'auto sommersa grazie a Google Earth
di Loris Alba

Scomparso 22 anni fa, cadavere trovato grazie a Google Earth

Il 7 novembre del 1997  William Moldt salutò per l'ultima volta la sua fidanzata, dicendo di dover fare un salto al bar prima di tornare a casa. Aveva 40 anni e viveva in Florida, a Palm Beach. Di lui, da quel momento, non si ebbe più alcuna notizia. 

Leggi anche > La mamma viene dichiarata morta cerebralmente, dopo 117 giorni mette al mondo la sua bambina



Oggi, a 22 anni dalla sua scomparsa, il mistero è stato risolto e il merito è tutto di Google Earth, il sistema  grafico tridimensionale che permette di visualizzare fotografie aeree e satellitari della Terra in alta risoluzione e con un dettaglio elevato. 

Grazie a una ricerca satellitare effettuata qualche giorno fa da un ex cittadino di Wellington, abile a scorgere casualmente la sagoma di un’automobile sul fondo di un laghetto nei pressi del suo vecchio vicinato, sono nati i primi sospetti. L'uomo, preoccupato, ha immediatamente contattato un conoscente che risiede in zona e che, come spiegato dalla polizia, «ha attivato il suo drone personale, ha confermato ciò che il precedente residente aveva visto e ha immediatamente contattato l’ufficio dello sceriffo».

Dopo la rimozione dell'auto, i primi accertamenti hanno fatto notare la pesante calcificazione del veicolo, segno della lunghissima permanenza in acqua. Ma che potesse trattarsi proprio della macchina di William Moldt lo si è iniziato a sospettare solo quando, nel veicolo, sono stati trovati i resti di uno scheletro umano. Per la conferma definitiva deio primi sospetti si era dovuta attendere l'analisi del medico legale, arrivata lo scorso  martedì. Esito positivo: i resti sono suoi.

Una storia incredibile, visto che nemmeno i parenti speravano ormai di ritrovarlo, di scoprire cosa gli fosse successo. Per risolvere il misterioso caso è servito l'aiuto della tecnologia  e di Google, che al tempo non era ancora nato.
Venerdì 13 Settembre 2019, 14:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA